• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Appennino: i politici parlano, i rapinatori agiscono

immagine

L’AQUILA — La classica beffa, che un po’ fa ridere e un po’ fa piangere. Mentre un gruppo di 4 sottosegretari del governo Prodi parlavano di sicurezza e legalità a un convegno, a 100 metri di distanza dei rapinatori svuotavano una banca.  

La vicenda è accaduta a Magliano dei Marsi, un paese sulle montagne abruzzesi (nella foto). Un comune montano, originario della prima metà del ferro, e situato alle falde del Monte Lo Pago. Un posto tranquillo,  inserito nella Comunità Montana Marsica 1 e nel Parco Regionale Velino-Sirente, ai piedi del massiccio del Velino, meta di escursionisti e scalatori.
 
Tranquillo almeno fino a ieri. Quando il carrozzone della politica ha messo piede lassù. Con un convegno sulla legalità a cui hanno partecipato un nutrito stuolo di sottosegretari e "codazzo" al seguito. E tanto per gradire, c’erano anche il vicepresidente della Camera e il Prefetto dell’Aquila e il consueto stuolo di rappresentanti delle forze dell’ordine.
 
E così, mentre i politici parlavano, parlavano, parlavano, due banditi con il volto bendato sono entrati indisturbati nella filiale della Banca Toscana, armati di taglierino. E mentre quelli continuavano a parlare all’infinito, i due rapinatori si sono fatti consegnare 10mila euro in contanti e se la sono data a gambe.
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *