• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Ticino, scomparso gregge di 90 pecore

immagine

LOCARNO, Svizzera — Novanta pecore sparite nel nulla. E’ questa l’amara sorpresa che un pastore svizzero si è trovato di fronte quando, la settimana scorsa, è tornato nel suo alpeggio per recuperare il gregge che aveva lasciato a pascolare. Si tratta della più grande sparizione di bestiame mai accaduta in Ticino. 

Il pastore aveva lasciato le bestie – 68 pecore, 20 agnelli e 2 montoni – al pascolo sulle Alpi di Carecchio e di Fornà, all’inizio di ottobre. La settimana scorsa è tornato a prenderle, ma non è riuscito a trovarle. Le ha cercate in lungo e in largo per la Val Verzasca, temendo che si fossero allontanate spontaneamente. Ma di loro nemmeno l’ombra: nessuno le aveva nè viste nè sentite.
 
Così sono partite la denuncia alle autorità e le ricerche del bestiame via aerea. Un elicottero, con a bordo degli alpinisti pronti a intervenire in caso di recupero in zone impervie, ha sorvolato le cime e le valli di Lodrino, Moleno, d’Agro, Pincascia e Carecchio. Niente nemmeno lì.
 
L’ipotesi più probabile, secondo la polizia, è che si tratti di un enorme furto, operato da qualche contadino o addirittura da qualche macellaio. Certo è che le ricerche proseguiranno fino a che non si sarà scoperta la causa di questa incredibile sparizione, per la quale si sta adoperando anche la Società Protezioni Animali di Bellinzona.
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *