• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Anziani condannati per furto di maglione

immagine

BOLZANO — Ma che paese siamo? Un paese in cui la legge, a quanto pare, è tutto tranne che "uguale per tutti". Anzi, stando ai casi di cronaca, sembra amministrata "ad personam". E non ci riferiamo alle vicende di politici e politicanti. Ma, ahinoi, a quella dei cittadini comuni giudicati con severità diversa, non a seconda del reato commesso ma dell’interpretazione che il giudice fa della legge.  

E così accade che due anziani altoatesini di 70 e 78 anni vengano condannati dal Tribunale di Bolzano a 1 anno e 4 mesi di carcere per il furto di un maglione (valore 50 euro) avvenuto il Natale scorso. Mentre a Ascoli Piceno, un rumeno, che ubriaco al volante ha ammazzato 4 ragazzi italiani, prendeva 6 anni. Il pubblico ministero, bontà sua, ne aveva chiesti "addirittura" 4. Il che significava un anno per ogni ragazzo ucciso. 
 
Ora, a parte l’assurdità della richiesta, vi sembra che un maglione valga quanto la vita di un ragazzo? A voi la risposta. Certo è che a Bolzano, il giudice per l’udienza preliminare ha applicato la legge in maniera ferrea, salvo poi commutare la pena in 10 giorni di lavori socialmente utili da svolgere in una casa di riposo.
 
Ora, diciamola tutta: sono le disparità di trattamento che fanno sobbalzare il cittadino comune dalla sedia. Casi eclatanti che dimostrano che qualcosa non funziona nel sistema giudiziario italiano. E la sensazione netta, è che la giustizia vari a seconda di latitudini e longitudini.
 
Se la maggior rigidità di talune parti del paese sia derivata da un atteggiamento culturale, da un retaggio storico, dal pragmatismo tipico delle regioni di montagna non è dato sapere. Certo è che la gente comune si chiede perchè la giustizia sia amministrata con tanta "severità" in alcune parti del paese e in maniera più blanda in altre? Colpa dei singoli giudici o di un atteggiamento più "tollerante" in talune parti d’Italia?
 
Perchè, per esempio, la questura di Bolzano – applicando peraltro le normative dell’Unione Europea – ha disposto l’allontanamento di alcuni polacchi dal territorio altoatesino, mentre in altri luoghi d’Italia – e per altre etnie – si fa finta che queste norme non esistano?
 
Perchè all’ombra delle montagne altoatesine due anziani che rubano per il freddo rischiano la gattabuia, mentre in Toscana un ex brigatista viene lasciato in semilibertà, a rapinare tranquillamente banche?
 
 
 
Vorrei dire la mia ,ma non mi viene ,sono troppo schifata dalla legge italiana e dalla sua applicazione a seconda della regione e dell’umore del giudice….
Se prendo quello che ha detto che la legge è uguale per tutti !!!!!
cordialmente
Lorè
E’ la POLITICA LA COSA CHE NON FUNZIONA in Italia.
perchè se quella funzinasse non ci sarebbero nemmeno tutte le ingiustizie,
e le violenze a cui stiamo assistendo in particolare in questo periodo.
Alberto M.
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *