• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Austriaco sale il Cho Oyu in 15 ore

immagine

KATHMANDU, Nepal — Dal campo base alla cima in 15 ore e 6 minuti. L’austriaco Christian Stangl, 41 anni, ha dichiarato nei giorni scorsi alla stampa di aver compiuto una delle più veloci salite della storia sul Cho Oyu, gigante tibetano di 8.201 metri.

Non è chiaro se la salita sia stata compiuta con l’aiuto delle bombole d’ossigeno. Ma le dichiarazioni dell’alpinista, che ha lamentato lo scarso tempo avuto per acclimatarsi a causa delle cattive condizioni meteo, potrebbero far pensare di sì. Stangl si è dovuto accontentare di tre notti passate a campo 1, a quota 6.400 metri.
 
Stavolta, inoltre, nel comunicare i tempi della sua salita non ha fatto accenno all’ossigeno, mentre l’anno scorso aveva sottolineato chiaramente che non ne aveva fatto uso per la salita veloce compiuta sulla Nord dell’Everest: dal campo base avanzato alla vetta in 16 ore e 42 minuti. Comunque, al suo rientro potremo avere informazioni più dettagliate.
 
Stangl ha compiuto la salita del Cho Oyu tra il 30 settembre e il 1 ottobre. Ha raccontato che è stata una salita piuttosto piacevole: le temperature, anche durante la notte, sono rimaste gradevoli e non c’era vento nemmeno sulla cima.
 
Purtroppo, condizioni opposte hanno trovato, un paio di giorni dopo, tre alpinisti provenienti dall’Alaska, che hanno compiuto la discesa della parete con gli sci. Tyler Johnson, Rory Stark e Will Stark hanno raggiunto la vetta con freddo e vento forte. Poi i primi due hanno inforcato gli sci e sono partiti verso valle, senza mai toglierli fino a campo 1.
 
Sara Sottocornola
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *