• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri

Vice-sceriffo uccide sei ragazzi

immagine

CRANDON, Stati Uniti — Quei ragazzi che facevano festa alle tre di notte gli davano troppo fastidio. Così il vice-sceriffo di Crandon (Wisconsin) ha preso il fucile e li ha freddati, uno ad uno. Poi è scappato, ma la polizia l’ha trovato e nell’insguimento l’ha ucciso.

Nessuno ha chiuso occhio sabato notte a Crandon, piccola e tranquilla cittadina di montagna del Wisconsin, 360 chilometri a sud di Milwaukee e vicina al confine con il Canada. Alle 3 del mattino gli spari hanno svegliato la tranquilla cittadina. Nessuno poteva immaginare cosa fosse successo.
 
Il vice-sceriffo della contea, Tylar Peterson, 20 anni, aveva preso il suo fucile, bussato alla porta della casa in cui alcuni giovani stavano facendo festa, e poi aperto il fuoco su di loro. 
 
Ha ucciso sei ragazzi, per lo più liceali, tra i 14 e i 21 anni, e ferito gravemente un altro. Poi si è dato alla fuga. Dopo la sparatoria è stata caccia all’uomo da parte della polizia. Alcune ore dopo, l’assassino è stato individuato nel bosco. L’inseguimento, un nuovo scontro a fuoco e il vice-sceriffo che rimasto ucciso dai colpi sparati dai colleghi.
 
Le ragioni della strage sono ancora tutte da indagare. Pare che Peterson quella sera fosse fuori servizio e sotto i fumi dell’alcol. E che tra i giovani ci fosse anche la sua ex-fidanzata. La gelosia potrebbe essere dunque all’origine della tragedia.
  
Certo è che Crandon oggi piange i suoi ragazzi. Il liceo cittadino è rimasto chiuso per lutto. Ora si aspetta la ricostruzione della polizia, per capire quale sia la ragione di una strage tanto efferata.
 
 
 Foto courtesy of Corriere della Sera
 
 
 
Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *