• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Bormio, bimbo di 3 anni ucciso da moto pirata

immagine

BORMIO, Sondrio — E’ morto così, un bambino di soli 3 anni sabato sera: travolto dalla moto di un pirata della strada mentre tornava a casa in bicicletta, sulla pista ciclabile di Bormio. L’urto violento non gli ha lasciato scampo: il piccolo, Lorenzo Giacomelli, si è spento all’ospedale di Sondalo.

Erano le 8 di sera e Lorenzo stava tornando a casa a Piazza, frazione di Valdisotto, con la mamma Nicoletta e la sorellina Mary, di 6 anni. La famiglia pedalava sulla pista ciclabile, in teoria, lontano dal traffico della strada, al sicuro dai mezzi a motore. Ma proprio qui si è consumata la tragedia.
 
Probabilmente a causa del buio, un motociclista che passava velocemente sulla ciclabile, non ha visto le tre biciclette. E’ riuscito a scansare per un pelo la donna, ma il bambino l’ha preso in pieno. Visto cosa aveva fatto, l’uomo ha ripreso il suo mezzo ed è scappato via.
  
Subito è arrivata l’ambulanza che ha portato Lorenzo all’ospedale di Sondalo. Ma le ferite erano troppo gravi e il bambino non ce l’ha fatta: è morto la sera stessa.
  
Da sabato sera, in alta Valtellina, è caccia al pirata. I carabinieri di Bormio in collaborazione con i colleghi di Tirano, stanno setacciando tutto il territorio per trovarlo. Secondo gli inquirenti, potrebbe trattarsi di qualcuno del posto: la pista ciclabile infatti, non è molto conosciuta fuori dal paese, per questo è più probabile che si tratti di un abitante della zona.
  
"Consiglio al centauro pirata – ha detto il comandante provinciale dell’Arma di Sondrio, il tenente colonnello Marcello Bergamini – di presentarsi spontaneamente al più presto in caserma, per evitare altrimenti di appesantire la sua posizione".
  
Anche la mamma di Lorenzo si rivolge all’assassino di suo figlio, e gli lancia un appello: "Se ha un cuore e una coscienza – ha dichiarato alla stampa – quell’individuo si deve presentare al più presto nella caserma dei carabinieri per assumersi le propri responsabilità. Non si può scappare dopo aver strappato alla vita un così piccolo essere umano".
  
Intanto la Procura di Sondrio ha dato il via libera alla sepoltura: i funerali di Lorenzo si svolgeranno martedì pomeriggio  nella chiesa di Piazza.
 
 
 
 
Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *