• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Primo Piano

Seven Summit in un anno, la sfida di fratello e sorella pakistani

I fratelli Baig in cima all'Everest (Photo blogs.tribune.com.pk)
I fratelli Baig in cima all’Everest (Photo blogs.tribune.com.pk)

BUENOS AIRES, Argentina — Vogliono scalare tutte le Seven Summit entro l’estate 2014, Samina Baig, la prima donna pakistana ad essere arrivata in cima all’Everest quest’anno – e suo fratello Mirza Ali Baig. I due alpinisti sono già volati in Sud America: il prossimo obiettivo sarà infatti l’Aconcagua.

Il 25 novembre ad Islamabad si è tenuta una cerimonia di saluto in onore di Samina Baig e Mirza Ali Set, primi pakistani a caccia delle vette delle Seven Summit, le montagne più alte di ogni continente. Erano presenti il Club alpino pakistano e gli ambasciatori di Argentina, Indonesia, Nepal, della Federazione Russa, e degli Stati Uniti d’America, che supportano la spedizione.

Oggi fratello e sorella sono già a Buenos Aires, da dove parte la sfida che vede nel mirino per prima l’Aconcagua (6.961 metri), che i due pakistani intendono scalare a dicembre. Poi sarà la volta del Vinson (4.892 metri) in Antartide e del Kilimangiaro (5895 metri) in Tanzania.

Mirza Ali e Samina Baig torneranno quindi in Pakistan, prima di ripartire per l’Indonesia verso il Puncak Jaya (chiamato anche Piramide Carstensz, alta 4.884 metri). In primavera Mirza Ali avrebbe intenzione di salire di nuovo l’Everest, mentre d’estate torneranno nelle Americhe per salire il McKinley, in Alaska. Ultimo obiettivo del loro tour sarà la Russia, dove voleranno nell’agosto 2014 per scalare l’ultima delle loro Seven Summit, l’Elbrus (5.642 metri).

“Il nostro obiettivo è quello di promuovere non solo la pace e la comprensione – ha dichiarato al Tribune Mirza Ali Baig, 30 anni, Guida alpina pakistana con esperienza in Karakorum, Pakistan e Hindukush -, ma anche l’amore per la natura e per i diversi colori della bellezza di luoghi diversi”.

Il Global warming e i cambiamenti climatici infatti, stanno a cuore agli alpinisti, sostenitori della sensibilizzazione delle tematiche ambientali.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *