• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Dhaulagiri: muore Dalla Longa

daulaghiri dhaulagiri himalaya incidente sergio dalla longa

BERGAMO (updated 2nd May) — Una terribile tragedia ha colpito l’alpinismo italiano. Il bergamasco Sergio Dalla Longa, impegnato nella scalata al colosso himalayano del Dhaulagiri, è morto in seguito a una caduta a pochi metri dalla vetta. L’alpinista avrebbe battutto la testa sul ghiaccio morendo sul colpo.

L’alpinista bergamasco, in queste settimane, stava salendo la difficile montagna himalayana (8.167 metri d’altezza) con una spedizione di prim’ordine. Al fianco dei celeberrimi Mario Panzeri e Mario Merelli, della forte spagnola Lina Quesada, e con una pattuglia di bergamaschi (la moglie Rosa Morotti, Mario Merelli, Domenico Belighieri e Stefano Magri).

La tragedia è avvenuta ieri ma, a causa delle difficoltà di comunicazione, la notizia è rimbalzata in Italia 24 ore dopo. La spedizione, partita il 21 marzo era rimasta bloccata ai campi bassi a causa delle pessime condizioni meteorologiche fino alla fine  della settimana scorsa. Poi, approfittando di una finestra di bel tempo, si era deciso l’assalto alla vetta, nonostante il forte vento.

La spedizione si era divisa in due gruppi. Dalla Longa faceva parte del primo, con la moglie e con Magri. Quando si trovavano a pochi metri dalla vetta, forse per il cedimento di un rampone, l’alpinista bergamasco è scivolato, cadendo per pochi metri. Pochi ma purtroppo fatali. Dalla Longa ha battuto violentemente il sul ghiaccio ed è morto all’istante.

Dalla Longa è stato subito soccorso da un medico di un’altra spedizione, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. Mario Merelli e gli altri sono tornati nelle ultime ore al campo base e stanno bene anche se il morale, ovviamente, è a pezzi.

 
Le emozioni, troppo personali, sono consegnate a uno stringato messaggio sul suo sito internet: "Stiamo smontando il campo base. L’elicottero è partito da Kathmandu ed è già a Pokhara. Se il tempo rimane buono verrà a prenderci nel pomeriggio, altrimenti domattina presto…Stavamo così bene, c’era nel gruppo un’atmosfera allegra, si giocava a carte… Non abbiamo perso la cima, ma una cosa ben più importante, un amico, un grande Amico", ha scritto Merelli.

Si tratta delle seconda tragedia alpinistica che colpisce la famiglia bergamasca dei Dalla Longa. Nel settembre 2005, sul Nanda Devi (Himalaya indiano), era morto il fratello di Sergio, Marco, per un malore.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.