• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Naso congelato sull'Everest: ricostruito chirurgicamente a Bergamo

Ospedale-Papa-Giovanni-XXIII-di-Bergamo-photo-courtesy-www.ecodibergamo.it_-300x225.jpg

BERGAMO — La chirurgia fa miracoli. Come nel caso di un alpinista italiano che alcuni anni fa, salendo l’Everest, si era congelato il naso tanto da perderne una parte. Proprio nei giorni scorsi un’operazione di alta chirurgia condotta al nuovo ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo gli ha permesso di riaverlo.

L’operazione è stata portata a termine con successo dal luminare tedesco della chirurgia plastica Helmut Fischer, del dipartimento di Chirurgia facciale del Meridien Hospital di Stoccarda. Secondo quanto riferito dalle agenzie, il naso è stato ricostruito usando una costola e la cartilagine di un orecchio.

Il protagonista sarebbe un alpinista milaese di 70 anni, che però non è stato l’unico a riavere il proprio naso. Il chirurgo ha ricostruito anche quello di una donna bergamasca che aveva avuto un danno da tumore cutaneo.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *