• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Alpi Francesi, scialpinista trovato morto sul massiccio del Queyras

Pic_de_Rochebrune_002-300x225.jpg

CERVIERES, Francia — Il corpo senza vita di uno scialpinista francese è stato ritrovato sabato sul massiccio del Queyras, nel distretto delle Hautes-Alpes. Il 44enne era disperso dal giorno precedente quando non era rientrato da un’escursione in solitaria. Gli inquirenti ipotizzano che l’uomo sia rimasto vittima di una tragica caduta.

Secondo la stampa francese, l’uomo proveniente dall’Isère si era recato venerdì da solo sul Pic de Rochebrune, montagna di 3324 metri delle Alpi Francesi che sorge a poca distanza dal confine italiano. In serata la compagna ha dato l’allarme per il mancato rientro.

La Compagnie républicaines de sécurité (Crs) di Briançon ha iniziato le ricerche via terra con l’aiuto delle unità cinofile, senza successo. Sabato il Peloton de gendarmerie de haute montagne (Pghm) si è aggiunto agli uomini del Crs per continuare le ricerche. Solo nel pomeriggio l’elicottero è riuscito ad avvistare il corpo dello scialpinista scomparso a 2600 metri di quota.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo sarebbe caduto dalla cima del Petit Rochebrune, a circa 3000 metri di quota, lungo il versante nord. L’ipotesi degli investigatori è che l’uomo sia scivolato sulla neve e, dopo aver perso i bastoncini rimasti conficcati al suolo, sia precipitato per centinaia di metri.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *