• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Natura, Primo Piano

L'orso M7 è in Valtellina: immortalato da fototrappole della Polizia

235714-300x224.jpg

TARTANO, Sondrio — M7, l’orso che dall’inizio di maggio si aggira tra Valsassina e lecchese, sembra essere tornato sulle Orobie Valtellinesi. La conferma è arrivata negli ultimi giorni grazie alle fototrappole della Polizia Provinciale di Sondrio, installate nei luoghi in cui il plantigrado aveva attaccato alcune pecore nelle scorse settimane.

Dopo Valsassina e Val Taleggio, l’orso M7 si è spostato in Valtellina, più precisamente tra i comuni di Tartano e Albaredo per San Marco, sul confine con la provincia di Bergamo. La presenza di un plantigrado nella zona era stata sospettata nei giorni scorsi a seguito di due atti predatori nei confronti di alcuni ovini.

Il primo, secondo i giornali locali, è avvenuto nella notte tra il 6 e il 7 maggio ai danni di una pecora ad Albaredo, mentre nella notte tra il 12 e il 13 maggio ne sono state uccise due a Tartano. La Polizia Provinciale di Sondrio è intervenuta tempestivamente in entrambi i luoghi per gli accertamenti del caso e per installare delle fototrappole, nel caso il “colpevole” tornasse.

Ci sono voluti pochi giorni perchè l’orso fosse immortalato. Un raffronto tra le immagini scattate a Lecco in aggiunta ai risultati degli elementi trovati sui luoghi di predazione, ha portato all’identificazione di M7 come il plantigrado responsabile di queste azioni.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *