• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Località, Primo Piano

Bormio, rinnovo della funivia Cima Bianca durante l'estate

funivia-bormio-2000-cima-bianca-300x199.jpg

BORMIO, Sondrio — La funivia che porta dalle piste di Bormio 2000 a Cima Bianca subirà dei lavori di rinnovamento durante l’estate. L’impianto è il più vecchio del comprensorio ed è giunto al termine della sua “vita tecnica”. La società gestrice ha già assicurato che sarà funzionante a partire dalla prossima stagione invernale.

A partire dal 10 luglio 1969, la funivia ha collegato il punto più alto del comprensorio valtellinese, i 3012 metri di Cima Bianca, con la stazione posta a 1952 metri, ovvero le ski area di Bormio 3000 e Bormio 2000. Gli oltre trent’anni di servizio necessitano però ora di lavori di revisione e ammodernamento. La funivia è infatti giunta al termine della cosiddetta “vita tecnica” e Bormio Ski, la società che gestisce gli impianti del comprensorio, ha deciso di chiuderla a partire da giugno.

Sul comunicato ufficiale, l’amministratore delegato della società Valeriano Giacomelli ha commentato così la scelta: “Eravamo ad un bivio, rinnovare o lasciare morire la funivia e abbiamo deciso di rilanciare. Nonostante il periodo di crisi siamo convinti che bisogna guardare avanti. La funivia è indispensabile in quanto permette ai pedoni di godersi il panorama mozzafiato dalla Cima Bianca ed è l’unico impianto che garantisce la sua apertura anche in caso di vento forte.”

Il costo totale dei lavori di rinnovamento, si legge sempre nel comunicato, si aggira attorno ai 2 milioni di euro e dovrebbe permettere l’entrata in funzione dell’impianto per la nuova stagione invernale. La direzione di Bormio Ski ha affermato che “i lavori prevedono il miglioramento del sistema di soccorso in caso di avaria dell’impianto, la sostituzione delle apparecchiature elettriche, il controllo ed eventuale sostituzione dei componenti meccanici e delle opere civili e lo scorrimento delle funi portanti. Infine, il controllo totale, previo smontaggio, dei due veicoli e il loro restyling.”

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *