• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Riaprono i passi alpini, è la volta di Forcola e Albula

forco.jpg_200717111145_forco-300x219.jpg

LIVIGNO, Sondrio — Dopo le ultime ispezioni effettuate ieri, è stata firmata l’ordinanza di apertura per la Forcola di Livigno, valico sul confine tra Italia e Svizzera, e il Passo dell’Albula, in territorio elvetico. Le strade saranno aperte a partire da venerdì 17 maggio alle ore 15 fino al prossimo autunno.

Dopo la riapertura del passo dello Spluga lo scorso Aprile, il canton dei Grigioni aveva ipotizzato il 29 maggio come possibile data per l’apertura della Forcola e dell’Albula. Il lavoro degli addetti alla strada e le condizioni meteorologiche hanno però permesso, durante l’ultimo sopralluogo effettuato il 15 maggio, di anticipare la data a venerdì 17.

Le autorità del Cantone elvetico hanno emesso l’ordinanza di riapertura delle strade che conducono al Passo dell’Albula e alla Forcola di Livigno, subito seguita dall’ordinanza del sindaco di Livigno per l’apertura della strada comunale che conduce al valico di confine.

Nei prossimi giorni ci sarà un sopralluogo del Giogo di Santa Maria, sempre sul confine italo-svizzero, per valutare se è già possibile fissare una data di riapertura nel mese di giugno, mentre è ancora incerta la sorte degli altri valici alpini. Non è ancora stata fissata una data di riapertura per il passo del Gavia, il passo del Rombo e i passi del Piccolo e Gran San Bernardo. La causa è da imputare alla neve ancora abbondante e al meteo incostante di queste ultime settimane che non permette un transito su strade sicure e completamente sgombre.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *