• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
I nostri lettori, L'approfondimento, Multimedia

Salita invernale e discesa con gli sci sulla sud della Corna Mara

dscn0542-300x166.jpg

L’idea di salire la cresta Est-SudEst in invernale non era di certo una novità; e nemmeno farlo portando si gli sci sullo zaino. La novità è invece stata quella di scendere il versante Sus della Corna Mara (2804metri), con gli sci, per l’appunto. Decido di fare questa “scoperta” con la compagnia di Teo.

I quasi mille metri di dislivello di avvicinamento, buona parte dei quali fatti con gli sci sullo zaino per la mancanza di innevamento nella parte bassa, non sono mai pochi, considerando il materiale che c’è nello zaino. I 350 metri di dislivello della cresta e gli 800 di sviluppo, divertenti. E sta volta la neve era davvero tanta, molta di più rispetto al novembre 2011 quando l’ho salita per la prima volta. Una sosta, quella sulla prima guglia, sommersa da un cornicione di neve. Fatto sta che in un paio d’ore siamo sul “culigat del Campatc”(battezzato così in onore degli zaini, oggi molto simili nella modalità di “caricamento a spalla” al tipico “Campatc” o “Campasc” valtellinese, strumento un tempo utilizzato per il trasporto di legna da ardere o fogliame), dopo aver salito la cresta, costruito una nuova sosta per la prima calata ed aver disceso anche la seconda guglia.

Valutiamo le condizioni del canalino: è fattibile. Mettiamo nella zaino corda, picche e ramponi, indossiamo gli sci e….mi dò la spinta dalla cornice di neve presente, 4 inversioni saltate e poi mi tocca “spatolare”: nel punto più stretto le rocce sono larghe quanto la lunghezza degli sci. Ancora 3 inversioni e sono sul versante Sud vero e proprio. Aspetto che scenda anche Teo e  caliamo veloci verso i gandoni innevati dell’alta Val Rogneda.

Mattia Ortelli

Cresta ESE della Corna Mara (2804 metri) Gruppo Scalino-Painale
Difficoltà: M5 – 45°
Discesa con gli sci “Canalino Campatc”
100metri, 45-50°
Mattia Ortelli con Matteo Schenatti
16-03-2013

http://mattiaortelli.wordpress.com

no images were found

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *