• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Top News

Makalu, Siegrist e gli svizzeri tentano il West Pillar in stile alpino

Team-svizzero-al-Makalu-Photo-courtesy-Stephan-Siegrist-300x200.jpg

KATHMANDU, Nepal — La difficile via del West Pillar in stile alpino, senza ossigeno, senza portatori e senza corde fisse. Con discesa dalla via normale una volta raggiunta la vetta. Questo l’ambizioso piano degli alpinisti svizzeri Hans Mitterer, Stephan Siegrist, Michi Warthl, David Gottler e Daniel Bartsch sul Makalu, 8.473 metri di quota, in Nepal.

Il West Pillar, via aperta dai francesi Yannick Seigneur e Bernard Mellet nel 1971, è una delle vie più complesse dell’Himalaya. E’ stata salita nella storia soltanto da 9 persone, mai in puro stile alpino. Di recente ci hanno provato alpinisti del calibro di Steve House, Alberto Inurrategi, Juan Vallejo, Mikel Zabalza, Ueli Steck, senza riuscirci. La via presenta tra i 6500 e i 7700 metri dei tratti di misto e di roccia ad altissima difficoltà, con pendenze quasi verticali. I francesi riuscirono a farcela con un vero e proprio assedio, piazzando 4 campi, con corde fisse e ossigeno, ma realizzando una salita che ancor oggi è considerata “mitica”.

“Siamo gli unici al campo base del Makalu per la Ovest – scrive Siegrist sulla sua pagina Facebook -, ci godiamo la quiete e la possibilità di concentrarci sulla scalata”.

Gli alpinisti sono già saliti fino a quota 6200 lungo la cresta che porta al West Pillar, poi hanno passato 3 notti in quota, sulla via normale, fino a quota 6800 metri.

“Siamo tutti rimasti sorpresi dalle condizioni – racconta siegrist su Facebook -. Nel primo tratto c’è roccia libera da neve e una rampa di ghiaia fino a 6000 metri. Poi abbiamo trovato la parete molto secca, con ghiaccio incredibilmente duro e friabile. Vedremo se questo giocherà a nostro vantaggio o svantaggio”.

Alla prossima finestra di bel tempo il gruppo vuole salire al Makalu La, 7400 metri, per compiere un ulteriore passo di acclimatamento. A quel punto saranno pronti per attaccare il West Pillar, che secondo i loro piani dovrebbe richiedere circa 12 giorni di scalata.

 

Links: https://www.facebook.com/stephansiegristalpinist

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *