• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Everest, uno sherpa morto per mal di montagna e uno ferito da rocce

110564_full-300x225.jpg

CAMPO BASE EVEREST, Nepal — Domenica nefasta lungo il versante sud dell’Everest: in poche ore uno sherpa è morto e un altro è rimasto ferito durante la scalata. Il primo sarebbe stato colpito dal cosiddetto “mal di montagna”, mentre il secondo è stato colpito sul capo da una roccia caduta dalla parete del Lhotse.

Secondo quanto riporta il comunicato della International Mountain Guides di Washington, una loro spedizione ha trascorso la notte tra sabato e domenica al Campo III del versante sud dell’Everest, a circa 8400 metri di quota. Al mattino uno dei loro sherpa stava per scendere al Campo II quando si è improvvisamente sentito male, accasciandosi al suolo.

Accorgendosi che non respirava, i compagni della spedizione hanno tentato la rianimazione cardio-polmonare che non ha però avuto successo. Il corpo del 37enne è stato trasportato dagli altri sherpa al Campo II e da qui in elicottero al Campo Base. Secondo le prime analisi dei medici, la causa della morte sarebbe da imputare al cosiddetto “mal di montagna”.

Un altro sherpa stava invece salendo con una spedizione dell’Asian Trekking quando è stato colpito sul retro della testa da una roccia caduta dal versante del Lhotse. Incapace di proseguire è sceso al Campo II con un altra spedizione che doveva raggiungere quel punto. I dottori gli avrebbero diagnosticato una probabile frattura del cranio e lo hanno fatto trasportare a valle per ulteriori accertamenti.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Mamma mia che pelle d’oca leggere di questo fatto, proprio ieri ho letto l’intervista del mitico Moro al National Geographic e nel finale dell’intervista dice questo :No. Con Ueli e Jon abbiamo deciso di lasciare il Campo Base perché volevo dare un segnale forte. Abbiamo bisogno di tempo per ritornare a fidarci degli Sherpa e della montagna. Ma resterò in Nepal con il mio elicottero. Sono sicuro che mi capiterà di dover fare qualche salvataggio e recuperare qualcuno, chissà, magari proprio le stesse persone che hanno cercato di ammazzarmi. Da pelle d’oca . Chissà se a pilotare l’elicottero era proprio lui. Grande stima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *