• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
AttualitĂ , Primo Piano

Allerta valanghe: pericolo forte, fino al grado 4 sulle Alpi

Valanga-Photo-courtesy-www.protezionecivile.gov_.it_-300x214.jpg

BERGAMO — Massima attenzione per chi ha intenzione di muoversi sulla neve nelle prossime ore. Su tutto l’arco alpino il pericolo valanghe è in aumento e il soccorso alpino ha diramato un’allerta per il pericolo valanghe che, in particolare sulle Dolomiti venete, trentine e altoatesine, raggiungerĂ  localmente il grado forte, 4. Tra il pomeriggio di oggi e domenica, in quella zona sono previsti 40-50 centimetri di neve fresca a 2.200 metri di altitudine.

Secondo i bollettini raccolti dall’Aineva, il pericolo valanghe al momento sarebbe maggiore sulle Alpi Orientali, tra Alto Adige, Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia, dove il rischio va dal grado 3, marcato a 4, forte. “Il Soccorso alpino raccomanda prudenza a quanti intendano passare questi giorni di aprile sulla neve – recita il comunicato stampa ufficiale del Cnsas Veneto -, soprattutto a chi pratica il fuori pista, con sci, ciaspe, scarponi, poichè, per il forte riscaldamento, il pericolo valanghe è in aumento fino a 3, localmente 4, nel corso della giornata”.

“Sino a circa 2600 m il manto è costituito da neve fradicia – spiega il bollettino valanghe del Trentino – per tutto lo spessore che poggia su vecchie brine di profonditĂ  senza coesione in fase di trasformazione e risulta quindi quasi sospeso senza alcun legame con il terreno sottostante. Il rigelo notturno interessa solo gli strati superficiali; in tali condizioni il punto debole diviene la superficie di contatto con il terreno specie in presenza di zone riscaldate da rocce affioranti, risultano probabili molte valanghe spontanee di fondo di medie dimensioni e talvolta dove gli spessori del manto nevoso sono ancora importanti, anche grandi valanghe”.

Anche sulle Alpi Centrali però il pericolo valanghe è in aumento, passando nella mattinata di oggi da moderato, grado 2, a marcato grado
3. Idem in Piemonte, dove negli ultimi giorni si è mantenuto piĂą basso ed ora è in aumento. Seguiranno aggiornamenti nelle prossime ore, quando verranno emessi i nuovi bollettini di entrambe le regioni. In Valle d’Aosta, il bollettino regionale segnala pericolo marcato di grado 3.

“Si ricorda di consultare sempre il bollettino della neve – raccomanda infine il Soccorso alpino veneto nell’allerta ufficiale inviata in
previsione del fine settimana -, di informarsi sulle condizioni dell’itinerario prescelto, anche dalle guide alpine o dai gestori dei
rifugi, di dotarsi dell’apposita strumentazione di autosoccorso, Artva, pala, sonda”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *