• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Esteri, Top News

Valanghe a catena sulle Alpi Francesi, 2 morti e 4 feriti

Ricerca di dispersi in valanga (Photo courtesy of Keystone/www.limpartial.ch)
Ricerca di dispersi in valanga (Photo courtesy of Keystone/www.limpartial.ch)

MONTCLAR, Francia — É grave il bilancio della giornata di ieri sulle Alpi Francesi: 2 persone sono morte e 4 sono rimaste ferite a causa del distacco di 6 diverse valanghe. Gli incidenti si sono verificati in Savoia, Alta Savoia, Alta Provenza e Isère e hanno coinvolto scialpinisti e sciatori che praticavano fuoripista.

Secondo la stampa francese le due valanghe mortali si sono verificate in Alta Provenza e in Alta Savoia. Nel primo incidente 3 sciatori stavano facendo fuoripista sul massiccio della Blanche, in prossimità della stazione di Saint-Jean a Montclar. Poco prima delle 16 uno degli uomini è stato travolto e sepolto dalla neve. I compagni hanno dato l’allarme e i soccorsi sono intervenuti per le ricerche. Il 27enne è stato ritrovato dopo circa un’ora in arresto cardiaco e a nulla sono valsi i tentativi di rianimazione.

In Alta Savoia è stata invece una Guida alpina a ritrovare il corpo senza vita di uno scialpinista, ancora parzialmente sepolto nella neve. Secondo le prime ricostruzioni della polizia la vittima, un 25enne, stava attraversando un couloir nel settore di Chalet Vert, nel comune di Bernex, quando sarebbe stato travolto da una valanga. Un’indagine è stata aperta per capire l’esatta dinamica dell’accaduto.

In Savoia sono state ben 3 le valanghe che hanno ferito altrettanti sciatori che praticavano fuoripista. La prima si è verificata in tarda mattinata a Méribel e ha coinvolto un 28enne trasportato all’ospedale di Chambéry con una sospetta frattura all’anca e al bacino. La seconda ha investito nel pomeriggio l’ultimo sciatore di un gruppo di sei persone a Valmorel.

Anche in questo caso la persona coinvolta era un giovane: il 26enne è stato estratto dopo circa un quarto d’ora dai compagni e dagli uomini di sicurezza delle piste in stato di incoscienza e con un principio di ipotermia. E’ stato trasportato all’ospedale di Moutiers. La terza valanga in Savoia si è verificata attorno alle 16 a Val Thorens e ha coinvolto una turista inglese di 57 anni che stava sciando con una guida e quattro compagni nel settore di lac du Lou. La donna è finita in un ruscello abbastanza profondo ed è stata estratta dopo circa 20 minuti in leggero stato di ipotermia.

L’ultima valanga ha invece coinvolto un 19enne che stava praticando fuoripista sul massiccio della Belledonne. Il giovane è stato travolto nei pressi della stazione di Prapoutel/Les Sept Laux e soccorso dapprima dalle persone presenti sul posto e successivamente dai soccorritori intervenuti con l’elicottero. Il ferito è stato estratto in gravi condizioni e trasportato d’urgenza all’ospedale di Grenoble dove sarebbe tuttora ricoverato in prognosi riservata.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *