• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Rocambolesca caduta al Sasso Pordoi, padre e figlio gravemente feriti

L'Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto per soccorrere i due feriti (Photo courtesy www.aiut-alpin-dolomites.com)
L’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto per soccorrere i due feriti (Photo courtesy www.aiut-alpin-dolomites.com)

CANAZEI, Trento — Grave incidente domenica sulle Dolomiti della Val di Fassa. Uno snowboarder di 14 anni era finito sciando sul bordo di una parete rocciosa: il padre, andato in suo soccorso, ha preso un sasso con gli sci ed è rovinato addosso al figlio, facendo cadere entrambi per decine di metri giù dal salto di roccia. La caduta ha  procurato loto ferite molto gravi.

Secondo le prime ricostruzioni comparse sui quotidiani locali, il padre, un 45enne di Pisa, si trovava in vacanza con la famiglia sulle Dolomiti. Domenica stava sciando in Val di Fassa con i tre figli, tutti minorenni. I quattro sono saliti con la funivia sul Sasso Pordoi, scendendo poi in fuoripista. Superata Forcella Pordoi, a quota 2.829 metri, il gruppo avrebbe sbagliato strada a causa del maltempo, ritrovandosi su una cengia rocciosa sopra le cascate Solemio.

Il 14enne, che sciava con uno snowboard, ha attraversato una zona chiamata Ossario finendo sul ciglio di una parete rocciosa. Il padre si è avvicinato per soccorrerlo, ma con uno degli sci ha urtato contro un sasso ed è volato via. L’uomo è finito addosso al figlio ed entrambi sono precipitati per circa una trentina di metri. Gli altri due figli hanno immediatamente dato l’allarme e sul posto sono arrivati gli uomini del Soccorso Alpino Alta Fassa, gli agenti del soccorso piste, un elicottero dell’Aiut Alpin di Bolzano e uno del 118 di Trento.

I soccorritori hanno recuperato i due feriti in gravi condizioni e li hanno affidati agli elicotteri per il trasporto urgente in ospedale. Il mezzo aereo proveniente da Bolzano ha trasportato il padre al San Maurizio, dove è stato ricoverato in rianimazione. Gli sarebbero stati riscontrati traumi molto seri alla testa e alla colonna vertebrale. Il mezzo del 118 si è invece occupato del ragazzo, trasportandolo al Santa Chiara di Trento con traumi al volto e ad un braccio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *