• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Primo Piano

Dolomiti imbiancate nella notte: e domani ancora neve sulle Alpi

nevicata (photo courtesy foto-blog.it)
nevicata (photo courtesy foto-blog.it)

BELLUNO — Cortina d’Ampezzo si è svegliata sotto 10 centimetri di neve fresca. E sulle Dolomiti, a quote più alte, l’accumulo notturno è arrivato a sfiorare i 30 cm. Si allontana l’aria di primavera che abbiamo respirato nei giorni scorsi: l’inverno è tornato con un gelo intenso sul Nord Italia, dove domani sono attese nuove nevicate.

Secondo 3bmeteo.com, il picco del freddo si è raggiunto questa mattina con termometri fino a -3/-5°C sulla Pianura Padana, -15/-18°C sulle Alpi; gelo sulle conche appenniniche, fino a -10°C su quelle abruzzesi. Il tempo però sarà bello fino a sera.

Domenica invece arriverà una nuova perturbazione dalla Francia, con neve sul Nordovest: fiocchi bianchi torneranno a cadere in particolare su Piemonte, Liguria interna, Lombardia occidentale, fino al fondovalle sulle Alpi e a quote collinari sul resto del Nord.Le nevicate sulle Alpi occidentali “saranno accompagnate da venti generalmente moderati da SW in quota, con la conseguente formazione di nuovi lastroni soffici, anche sui versanti sopravento, i quali potranno mascherare o incrementare quelli preesistenti. I quantitativi di neve maggiori sono attesi sui rilievi meridionali e su quelli settentrionali della regione dove, in relazione agli effettivi quantitativi, già nella giornata di domenica il pericolo valanghe potrà raggiungere il grado 3-Marcato e aumentare a 4-Forte lunedì”.

L’Arpa Lombardia prevede precipitazioni deboli sparse nella mattinata in lieve intensificazione dal pomeriggio, nevose fino a 500-800 metri. Il Meteo Trentino invece prevede precipitazioni moderate o forti diffuse tra domenica e lunedì con limite delle nevicate in graduale aumento fino a circa 600 m.

La prossima settimana sarà ancora instabile, ma meno fredda. Più miti correnti atlantiche continueranno ad interessare la Penisola, determinando una spiccata variabilità con ancora qualche rovescio, più probabile sui versanti tirrenici, ma anche maggiori momenti soleggiati. Le temperature torneranno sulle medie del periodo, dopo la sfuriata fredda di queste ore, più consone a un’attesa primavera.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *