• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Val di Susa, cerca di morire in un bosco con alcol e medicinali: salvata in extremis

Pian delle Stelle (Photo courtesy www.funivie.org)
Pian delle Stelle (Photo courtesy www.funivie.org)

BARDONECCHIA, Torino — Tragedia sventata sulle montagne di Bardonecchia. Una donna di 31 anni ha cercato di suicidarsi per ipotermia su un pendio innevato del Pian delle Stelle, oltre duemila metri di quota, con in corpo un pericoloso cocktail di alcolici e farmaci. La donna è stata individuata dalle autorità di polizia grazie ad alcuni sms inviati al marito in cui annunciava l’intenzione di compiere l’insano gesto e ad una telefonata a cui la donna ha risposto in stato confusionale.

Secondo quanto ricostruito dalla stampa locale, la donna si era allontanata da casa lo scorso 7 marzo. Nelle ore successive alla scomparsa aveva scritto al marito diversi sms annunciando che voleva togliersi la vita: il marito, allarmato, ha avvertito la polizia che cercato di individuare la posizione della donna in base al suo telefonino: è risultata essere nella cella di Bardonecchia.

Le autorità avrebbero poi provato a chiamare la donna ripetutamente sul cellulare, che però squillava a vuoto. Poi finalmente ha risposto: pare fosse in stato confusionale ma abbia farfugliato parole come “stelle”, “chiesa”, “neve” che hanno portato i poliziotti sulla pista giusta.

La donna è stata ritrovata nella località Pian delle Stelle, a circa 2.128 metri sopra Bardonecchia. La Repubblica di Torino riferisce che gli agenti l’hanno ritrovata nel bosco, rannicchiata sotto un albero e in stato semicosciente. Vicino c’era uno zaino con una bottiglia vuota, una scatola di medicine e alcune lettere di addio ai propri cari.

“L’abbiamo salvata da una morte certa – ha dichiarato il vicequestore di Bardonecchia, Francesco Destro a La Repubblica – se non l’avessimo trovata in tempo e portata in ospedale, l’assunzione di medicinali con alcol le sarebbe stata fatale, ancor di più per le rigide temperature della montagna invernale”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *