• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Parchi, Primo Piano

Gran Paradiso, il Parco Nazionale più conosciuto dagli italiani

Parco del Gran Paradiso Altopiano del Nivolet (Photo Riottoso)
Parco del Gran Paradiso Altopiano del Nivolet (Photo Riottoso)

MILANO — Primo ad essere stato istituito nel Belpaese, il Parco Nazionale Gran Paradiso, che ha compiuto l’anno scorso 90 anni, è il più conosciuto della nostra dagli italiani. Lo dice il terzo rapporto “Italiani, turismo sostenibile e ecoturismo”, presentato a Milano dalla Fondazione Univerde, in occasione della Bit. Il sondaggio è stato effettuato da una società di sondaggi e ricerche, Ipr Marketing. Per la prima volta la ricerca ha ricompreso una sezione dedicata alle aree protette italiane, tra cui appunto il Gran Paradiso, che si è classificato al primo posto, seguito dal Parco dello Stelvio e da quello delle Cinque Terre.

In base agli altri dati emersi dal rapporto, il 59% degli italiani è attratto dalla natura incontaminata nella scelta delle proprie mete turistiche ed il 68% ha visitato un parco nazionale o regionale. Il pubblico italiano è anche più attento alla sostenibilità del viaggio in tutti gli aspetti, dai mezzi di trasporto per arrivare, all’attenzione all’ambiente da parte delle strutture di accoglienza, alla qualità dei prodotti del territorio. Ben più della maggioranza giudica che l’attenzione all’ambiente sia occasione di crescita e che la sensibilità per il turismo sostenibile aumenterà nei prossimi dieci anni.

Italo Cerise, Presidente del Parco, commenta così la notizia: “E’ sicuramente motivo di orgoglio essere annoverati come il Parco più conosciuto in Italia, ma riteniamo questo non sia un punto d’arrivo, quanto di partenza. E’ necessario lavorare in sinergia con gli enti locali per migliorare le possibilità di arrivo nel Parco, in via sempre più sostenibile, e collaborare con le strutture e gli operatori del territorio affinché l’offerta a disposizione dei turisti sia in linea con le loro richieste di qualità ed eco-compatibilità”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *