• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Politica, Primo Piano

Appennino, la Regione Marche stanzia 1,250 milioni per la montagna

Appennino marchigiano (Photo courtesy marcheagriturismo.com)
Appennino marchigiano (Photo courtesy marcheagriturismo.com)

ANCONA — Lavoro, turismo e cura dell’ambiente: le Marche credono nello sviluppo della montagna e investono ben 1.250.000 euro sul “Progetto Appennino”. Il finanziamento è stato annunciato nei giorni scorsi dalla Regione, pronta a sostenere un programma che punta a manutenzione, recupero e salvaguardia, miglioramento, valorizzazione e messa in sicurezza del patrimonio forestale e naturale delle montagne regionali.

“Favorire l’accesso al lavoro nell’ambito della forestazione, della difesa del suolo e della manutenzione del verde – ha detto il presidente della Regione Gian Mario Spacca – rappresenta una efficace risposta alla crisi occupazionale e alla fragilità dei sistemi economico-sociali montani. Si rilanciano così questi settori che sono strategici per il riequilibrio territoriale, per lo sviluppo del turismo e per la tutela ambientale, anche contro il rischio del cambiamento climatico”.

Spacca ha spiegato che questo progetto rappresenta l’attuazione degli impegni assunti dalla Regione con la firma della Carta di Fonte Avellana, una strategia di sviluppo delle zone interne e montane.

In programma ci sono una serie interventi mirati a dare un’occupazione stabile delle maestranze che già lavorano nel settore così da garantire anche il presidio del territorio e la residenza nelle aree rurali e montane e offriranno opportunità lavorative ai lavoratori in mobilità e in cassa integrazione delle aziende del territorio da reimpiegare nel campo della difesa del suolo.

I soldi stanziati dalla Regione verranno messi a disposizione mediante specifici bandi e verranno arricchiti da cofinanziamenti provinciali. I progetti andranno presentati entro l’inizio di aprile.

 

 

Links: http://marchentilocali.regione.marche.it/

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *