• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
I nostri lettori, Itinerari, L'approfondimento

Escursioni primaverili in Dolomiti? Ecco consigli e suggerimenti

Rifugio Roda di Vael (Photo courtesy www.bergfuehrerdolomiten.it)
Rifugio Roda di Vael (Photo courtesy www.bergfuehrerdolomiten.it)

BERGAMO — “Cara redazione, tra pochi giorni andrò a camminare in Val di Fassa e Pusteria. Quali sono i rischi e suggerimenti per chi va a camminare anche su sui sentieri facili delle Dolomiti, nei mesi primaverili di marzo aprile maggio? Ho solo esperienze estive e autunnali”. Questa la richiesta giunta in redazione dal nostro lettore Francesco. Abbiamo chiesto a Bruno Belligioli, guida alpina della zona, di rispondergli.

Carissimo lettore,
camminare su facili sentieri è sicuramente affascinante e piacevole, ma avventurarsi nei mesi primaverili nasconde delle insidie, che possono essere:
trovarsi a percorrere tratti dove persiste ancora del nevato o del ghiaccio,
possono essere ancora possibili degli scaricamenti di neve da canaloni ripidi o molto ripidi,
anche le temperature possono essere ancora rigide generalmente al mattino presto e al tardo pomeriggio.

Quindi il migior consiglio che le possiamo dare è di avere delle scarpe resistenti all’acqua, eventualmente delle ghette da neve, dei bastoncini per mantere un equilibrio maggiore, dei ramponi oppure i SNOWLINE – catene da passeggio per scarpe – , e un abbigliamento “a cipolla”.
Un’alternativa potrebbe essere qualche escursione con le ciaspole o rachette da neve, affidandosi magari alle guide alpine.

Per quanto riguarda le insidie della neve è indispensabile informarsi qualche giorno prima di effettuare l’escursione per sapere quanta neve è presente e quale sia il pericolo di valanghe. Spesso sono percorribili i versanti sud, invece su quelli nord la neve permane anche fino a giugno.

Esistono tante guide escursionistiche dettagliate dove prendersi le idee. Anche sui siti delle associazioni turistiche delle diverse valli iportano alcune escusioni invernali-primaverili.

Qualche consiglio:
la val San Nicolò, lunga valle pianeggiante circondata da baite e prati,
la cima Undici nel Gruppo del Vallaccia
gita nel cuore del gruppo del Catinaccio: percorrere un tratto della valle del Vajolet e raggiungere il rifugio Roda di Vael con partenza da Vigo oppure dal passo Carezza.

Le auguro bel tempo e belle gite nelle nostre magnifiche valate alpine
Cordiali saluti

Bruno Belligoli
Guida Alpina Sciatore
www.brunobelligoli.it
volentieri vi accompagno: escursioni – ciaspole – scialpinismo – cascate di ghiaccio – arrampicata – alpinismo – ferrate – pacchetti vacanze

Other links: www.dolomiti.it

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *