• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Primo Piano

Mezzo metro di neve fresca sulle Alpi: e il maltempo continua

Neve a Ballabio (Lecco)
Neve a Ballabio (Lecco)

BERGAMO — Nel corso delle ultime ore il gelido il freddo vortice di bassa pressione Thomas ha abbracciato gran parte della nostra Penisola, portando maltempo al Centro-sud e tanta neve a ridosso della fascia prealpina. Davvero importanti gli accumuli in Lombardia, visto che il manto nevoso fresco raggiunge già i 30 cm a soli 400m di altitudine ed i 40-45 cm oltre i 500-600 metri.

Sarà un inizio di settimana con pioggia e neve. Il vortice di bassa pressione, alimentato da aria fredda di origine artica continentale, insisterà sul Mediterraneo e sull’Italia anche oggi sarà ancora maltempo.

Al Nord la neve cadrà sino a quote pianeggianti al Nord Ovest, in particolare sul Piemonte, a quote basse su Lombardia ed Ovest Emilia nonché sulla Liguria. Tenderanno ad attenuarsi le precipitazioni al Nord Est nel corso della giornata. Neve anche in Toscana inizialmente a quote pianeggianti con fiocchi non esclusi anche alle porte di Firenze, a quote di bassa collina su nord Sardegna Umbria e Lazio, anche nei dintorni di Roma. Il livello della neve tenderà a rialzarsi nel corso del giorno.

La situazione piano piano si bloccherà: la circolazione depressionaria non verrà alimentata più dal flusso perturbato principale e tenderà a perdere energia sul posto. Le precipitazioni diverranno così meno frequenti ed irregolari in un contesto variabile che dovrebbe accompagnarci per il resto della settimana.

Gli effetti dell’attuale ondata di maltempo non si esauriranno facilmente, comunque. Secondo le previsioni di 3bmeteo.com, fino a fine mese risentiremo degli effetti della circolazione di bassa pressione che consumerà parte della sua energia sul posto Si avranno ancora episodi da instabilità ma saranno più irregolari e meno frequenti. Le temperature dopo il periodo sotto media torneranno ad aumentare.

 

Links: http://www.3bmeteo.com/

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *