• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Primo Piano

Nanga Parbat, continuano le ricerche dell'alpinista disperso

Joel Wischnewski in una delle ultime foto pubblicate sul suo blog (Photo www.steepboard.com)
Joel Wischnewski in una delle ultime foto pubblicate sul suo blog (Photo www.steepboard.com)

SKARDU, Pakistan – Continuano le ricerche di Joel Wischnewski disperso da ormai diversi giorni sulla parete Rupal del Nanga Parbat. Il 20 febbraio il team di portatori d’alta quota pakistani, inviati in cerca dell’alpinista francese, è risalito sopra campo 1 per un secondo sopralluogo, anche questa volta senza risultato: i soccorritori infatti, non avrebbero trovato nemmeno tende o altra attrezzatura alpinistica.

Le operazioni di ricerca sarebbero iniziate intorno al 17 febbraio, quando i portatori d’alta quota sono stati inviati dall’agenzia dell’alpinista, Adventure Pakistan. In base a quanto scrive il sito americano Explorersweb, i soccorritori sarebbero arrivati sia a campo 1 sia a campo 2, ultimo campo da cui aveva scritto Wischnewski prima di annunciare l’intenzione di salire per tre giorni lungo il pilastro sud est. Era il 6 febbraio, da allora di lui non si sono avute più notizie. Il francese, affetto dalla malattia di Crohn, in base a ai suoi ultimi post, non era in buone condizioni fisiche

Dopo essere rientrati al campo base per via del cattivo tempo, i pakistani sarebbero risaliti ieri, 20 febbraio, fino a campo 1. Anche in questo caso però del francese non avrebbero trovato traccia, né delle sue cose. Per oggi tuttavia, i soccorritori prevedevano una nuova salita per un ulteriore sopralluogo, tempo permettendo ovviamente.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *