• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Interviste, L'approfondimento, Natura

Wwf Italia su M13, più che un pericolo una questione culturale

Orso (Photo  www.life-arctos.it)
Orso (Photo www.life-arctos.it)

BERGAMO – Molti la temevano, altri persino se l’aspettavano. Certo è che a poche ore di distanza dalla morte dell’orso M13 si infiamma il dibattito sulla decisione presa dalle autorità svizzere di eliminare il plantigrado che circolava in Val Poschiavo, nel Canton Grigioni. Abbiamo voluto approfondire la questione chiedendo un parere sulla vicenda a Mauro Belardi, di Wwf Italia. Ecco cosa ci ha raccontato.

Perché l’orso M13 è stato abbattuto?
Ci sono delle motivazioni ufficiali e delle motivazioni ufficiose. Quelle ufficiali espresse dal governo svizzero dicono che l’orso era diventato troppo confidente e quindi potenzialmente pericoloso. Le motivazioni ufficiose a mio giudizio sono di tipo culturale. Il problema secondo me è che quella zona non era preparata alla presenza di orsi e culturalmente non c’era la predisposizione ad accettare che ci siano delle porzioni di natura al di fuori del controllo umano, e questo è un problema grave.

Quindi secondo te non era pericoloso?
Quell’orso non era oggettivamente pericoloso, non ha mai dato segnali di pericolosità, non è stato particolarmente dannoso. Ha frequentato a volte zone abitate, come talvolta succede, ma non ha mai dato segnali di aggressività. Il problema secondo me non riguarda quell’orso. La vera domanda che dovrebbero farsi quelli che hanno preso questa decisione è se sono disponibili ad avere orsi nella loro zona o se invece non sono disponibili. Ma in quel caso non è l’orso M13 ad essere problematico, sono loro ad essere problematici.

Il panico della popolazione era giustificato?
Io rispetto sempre i timori e le paure di tutti, soprattutto delle popolazioni che non sono più abituate a vivere con l’orso da parecchio tempo. Però da qui ad essere giustificato ce ne passa. Non ci sono stati segnali di pericolo e non ci sono casi di orsi che hanno aggredito qualcuno da quasi 200 anni in Italia. Ci sono molti animali più pericolosi. Il caso che ha portato a questa decisione, ma è stata soltanto una scusa, è stato l’episodio della ragazzina che ha incontrato l’orso e si è molto spaventata. Però ci sono tantissime situazioni che provocano spavento, in città, campagna e montagna, e se dovessimo eliminare tutte le fonti di spavento non so dove finiremmo. Io sono per esempio terrorizzato dai suv, ma non penso di risolvere la mia paura con un provvedimento pubblico. L’orso prima non poteva avvicinarsi alle case, poi non poteva fare danni e infine con questa decisione gli hanno proibito anche di girare sui sentieri di montagna.

Un’amministrazione ha il potere di decidere in autonomia della vita di un orso?
L’orso è un animale protetto ovunque, in Italia come in tutta l’Unione Europea o in Svizzera. Ovviamente la Svizzera ha procedure leggermente diverse perché non è nell’Unione, ma l’orso rimane un animale protetto. Tuttavia anche in Italia sono previsti dei casi in cui l’orso può essere prelevato, portato via o anche abbattuto, ovviamente perché la sicurezza ha e deve avere la prevalenza su tutto. Ci sono delle procedure da seguire se si verificano delle condizioni che ci fanno dire che l’orso è in qualche modo problematico o confidente. In questo caso le condizioni a mio avviso non si sono realmente verificate. All’interno, per esempio, del progetto Life Arctos, che stiamo seguendo come Wwf insieme a Regione Lombardia e altri partner, abbiamo messo a punto e affinato queste procedure, esistono anche delle squadre di emergenza che possono intervenire, per condizionare negativamente un orso nel caso ad esempio frequenti troppo spesso dei centri abitati. Esistono delle procedure, nessuno può decidere da solo, ma sono sicuro che chi ha preso la decisione di uccidere M13 avesse elementi necessari a giustificarsi. Ma non è questo il punto. La scelta è molto discutibile e credo rimandi a domande più grandi del povero M13. Chi ha preso questa decisione è bene che si guardi allo specchio e si faccia delle domande: sicuramente alcune cose potevano essere fatte, la Val Poschiavo avrebbe potuto dotarsi di recinzioni elettrificate per tutelare gli alpeggi, di bidoni per l’immondizia ad hoc per non avvicinare l’orso, minimizzare i danni, informare meglio la popolazione per ridurre i timori e le paure, che non potranno certo essere ridotti a zero, perché è vero che l’orso è un animale selvatico, è bello anche per quello.

Qualche anno fa era stato abbattuto sempre in Svizzera l’orso Jj3. Quali sono le analogie tra questa e quella situazione?
A mio parere non c’erano delle giustificazioni nemmeno allora, anche se effettivamente quell’orso si avvicinava di più alle abitazione. Le cose non sono state chiare allora come oggi, è stata operata una forzatura per rispondere a pressioni politiche o pubbliche mentre credo che valutazioni così dovrebbero essere esclusivamente di tipo tecnico.

Voi vi aspettavate questo provvedimento?
Dopo la vicenda della ragazzina spaventata me lo aspettavo. È stato preso questo caso, che se ci si pensa non ha davvero niente di strano, perché è normale e giusto che un ragazzino si spaventi quando vede un orso. Però trasportare quanto accaduto sul tema della pericolosità è un altro discorso. Eravamo tutti in attesa da mesi, era quasi come se glie l’avessero giurata. Della serie: “quando esci dal letargo ti facciamo fuori”…questa era un po’ la sensazione.

Ma quindi secondo te gli svizzeri non vogliono gli orsi sul loro territorio?
Non lo so, la situazione non è così lineare. Per esempio esiste in Val Monastero, Val Müstair (ndr. sempre nel Canton Grigioni) un gruppo che si chiama Orsina che ha gestito un progetto sulla convivenza tra uomo e orso che ha dato ottimi risultati. Ci sono stati finora 8 orsi che hanno attraversato la Svizzera negli ultimi anni, purtroppo il livello di accettazione non è alto ma ci sono anche esempi positivi.

Cosa rimane quindi del caso M13?
La sensazione di fondo è la tristezza e di fallimento per chi come noi lavora per tutela di questa specie. Spero che possa diventare l’occasione per un dibattito aperto basato sui fatti e non ideologico. Sono abbastanza sicuro che l’orso non sia il principale problema delle montagna di oggi, penso che dovrebbero concentrarsi su altri problemi. L’orso può essere una risorsa e che si dia tanto spazio ai problemi o ai presunti problemi portati dagli orsi penso sia indice di qualcosa che non va e di un modello di montagna che mi permetto di mettere in discussione. L’idea che si voglia vivere in montagna lontani da qualsiasi tipo di perturbazione e completamente in sicurezza come se fosse in città secondo me ha qualcosa che non va, la montagna dovrebbe essere qualcosa di diverso.

Info su Life Arctos: www.life-arctos.it/home.html

Articolo precedenteArticolo successivo

10 Comments

  1. Belin non riusciremo mai a essere intelligenti come gli animali!
    Li uccidiamo per mangiarli, perché danno fastidio, per puro piacere.
    Loro NO porco scifo…
    Loro AMANO e basta. Dovete vergognarvi per aver ucciso questo orso,
    Uomini meschini senza sentimenti. Una celebre frase di Leonardo sugli animali dice:
    Verrà il giorno in cui l’uomo capirà l’intimo animo degli Animali,
    Quel giorno uccidere un animale sarà come commettere un crimine contro l’umanità!
    Uomo di m…. ricorda che la natura vincerà.

  2. Non capisco perchè sono stati spesi e si continuano a spendere soldi per la reintroduzione dell’orso sulle Alpi e per rimborsare i danni che provocano.
    Un orso in meno, tanti soldi risparmiati per tutelare l’ambiente in modo più serio.
    Vogliono studiare l’orso? Vadano in Canada, là sono numerosi e vivono in un ambiente selvaggio.

  3. boicottare la val Poschiavo non andandoci più; almeno ci perderanno soldi; infatti gli albergatori si sono lamentati della eliminazione dell’orso…boicottare la val Poschiavo!!!!!!!!

  4. un orso in meno tanti soldi risparmiati; una seggiovia in più tanti soldi guadagnati (a spese del contribuente!)
    Oppure: volete sciare?! andate in Canada che di neve non ne manca certo!!!

  5. Un bell’esempio di ideologia animal-ecologista un tanto al chilo, non c’è che dire. Al Sig. Silvano “secondo” gioverebbe rammentare come in ogni cultura e civiltà in ogni angolo del globo si siano sempre anteposte le persone agli altri esseri viventi;che poi oggi, in ossequio a un malthusismo di ritorno, si tenda a effettuare, per via mass-mediatica, il lavaggio del cervello alla gente, coi soliti argomenti ambientalisti – decrescita, sovrappopolazione, limitatezza delle risorse, ecc. – bene, questo non fa che provare il carattere anti-umano di questa crociata ambientalista che gode già di moltissimi e fanatici adepti (si veda l’illuminato commento di cui sopra). Per farsi un’idea, cfr. Laurent Larcher, “Il Volto Oscuro dell’Ecolgia”, Lindau, Torino.

  6. Invece che abbatterlo non lo si poteva anestetizzare e spostarlo in zona meno urbanizzata ? ? – Forse tecncamente era più complicato – Forse L’ANIMALE Orso sarebbe morto ugualmente per le difficoltà di dosare l’anestetico – Sicuramente era una scelta più cotosa – ma altrettanto sicuramente l’immagine della BESTIA uomo ne avrebbe giovato – Per quanto riguarda il discorso “soldi risparmiati” ritengo che i circa 50 euro risarciti agli allevatori per ogni pecora uccisa, non sia un grave sperpero di denaro pubblico, soprattutto se confrontato con i risarcimenti per i danni causati dai cinghiali o dai piccioni

  7. Si dovrebbe imparare a convivere di più con la natura….pensando un pò meno al proprio tornaconto per ritrovare quell’equilibrio che oggi molti hanno perduto o non ricordano più di avere avuto nei propri geni.
    Se c’è la volontà una soluzione si trova sempre.
    Buona giornata e meditiamo…
    Aldo

  8. Si e’ voluto reintrodurre artificialmente l’orso in una zona in cui si stava auto estinguendo: mancanza di accoppiamenti. Si sono condannati di fatto i giovani maschi a peregrinare come da natura, senza speranze di accoppiarsi: nessuna orsa libera nelle zone delle loro naturali migrazioni. Nel frattempo nuovi impianti di risalita, nuove antropizzazioni del territorio. A mio avviso un vero raeto contro la natura: molti degli orsi reintrodotti sono morti in incidenti: gli si e’ offerto un ambiente non adatto. Per leggerezza? Per attrazione turistica? qui sta la vera crudelta’. AT.

  9. Con molto stupore mi domando , ma non era molto più intelligente addormentarlo e trasferirlo in zone meno popolate?
    In buone parti del mondo funziona così, e poi se tutto quello che è pericoloso per l’uomo lo abbattiamo dove andiamo a finire ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *