• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Scialpinista ferita sulla Majella, recuperata a tarda notte

Scialpinismo sulla Majella, nei pressi del rifugio Barrasso (Photo Antonio Palermi courtesy of www.flickr.com/photos/antonio_palermi)
Scialpinismo sulla Majella, nei pressi del rifugio Barrasso (Photo Antonio Palermi courtesy of www.flickr.com/photos/antonio_palermi)

CARAMANICO TERME, Pescara — Sono arrivati a valle solo a notte inoltrata i sei scialpinisti stranieri che si trovavano sul versante settentrionale del massiccio della Majella. I soccorsi sono intervenuti per l’infortunio di una di loro che necessitava di assistenza medica, ma la forte nevicata ha prolungato i tempi dell’intervento di recupero.

Secondo il comunicato stampa del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell’Abruzzo, un gruppo di sei scialpinisti stranieri, 5 tedeschi e una austriaca, erano partiti lunedì con una guida alpina tedesca per un’escursione sul massiccio della Majella. Nel pomeriggio mentre sciavano sul Monte Pesco Falcone, cima di 2646 metri posta sul versante settentrionale del massiccio appenninico, una di loro è caduta procurandosi una lussazione alla spalla.

La guida alpina ha deciso di accompagnare la donna austriaca verso valle poichè l’infortunio necessitava di assistenza medica. Il resto del gruppo ha raggiunto la coppia poco dopo e tutti insieme hanno iniziato la discesa. I soccorsi, composti da una guida alpina componente del soccorso alpino austriaco, squadre del Cnsas, del Soccorso Alpino Guardia di Finanza (Sagf) e del Soccorso Alpino Forestale (Saf), nonchè Carabinieri e Vigili del Fuoco, si sono organizzati con squadre a piedi a causa del maltempo e della fitta nevicata che imperversava sulla zona.

Gli scialpinsti sono stati raggiunti poco prima delle 21 e accompagnati presso il Rifugio Barrasso, a 1542 metri di quota, dove hanno atteso l’arrivo della 64enne infortunata. La donna ha raggiunto la struttura abbastanza provata dalla lunga camminata ed è stata immediatamente imbarellata e condotta alla base di coordinamento dei soccorsi allestita a San Nicolao, frazione di Caramanico Terme. Arrivata poco dopo le 3 del mattino, è stata successivamente portata in auto alla cittadina pescarese dove è stata presa in consegna dall’ambulanza del 118, impossibilitata a salire a causa della neve, e portata all’ospedale di Popoli.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *