• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Svizzera, scialpinista trovato morto sotto una valanga

Il recupero della salma effettuato domenica (Photo courtesy of www.20min.ch)
Il recupero della salma effettuato domenica (Photo courtesy of www.20min.ch)

ORSIÈRES, Svizzera — Uno scialpinista di 38 anni è morto sabato nel Canton Vallese dopo esser stato travolto da una valanga. I soccorsi sono intervenuti su segnalazione dei familiari e hanno rinvenuto la salma dell’uomo grazie all’airbag che spuntava dalla neve.

Secondo i quotidiani elvetici, l’uomo era partito sabato per un’escursione solitaria di scialpinismo sui pendii innevati di Breya, montagna di 2200 metri della zona sud-occidentale del Canton Vallese. All’imbrunire, la famiglia ha dato l’allarme per il mancato rientro del 38enne.

Un elicottero dell’Air Glaciers si è alzato in volo con a bordo i soccorritori della Maison du sauvetage per iniziare le ricerche. Durante la notte hanno individuato un oggetto che spuntava da una zona di neve che è stata identificata come il cono di una valanga.

L’oggetto in questione era l’airbag dell’uomo, un dispositivo che dovrebbe aiutare le persone a galleggiare sopra la valanga. Purtroppo l’uomo è stato ritrovato privo di vita e, secondo la stampa, sarebbe morto in seguito ad un violento colpo alla testa durante la caduta verso valle.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *