• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Primo Piano

Permafrost, il sole amplifica la CO2 liberata dal disgelo

Lo scioglimento del permafrost nell'Artico (fonte Rose Cory)
Lo scioglimento del permafrost nell’Artico (fonte Rose Cory)

NEW YORK, Usa — I raggi solari aumentano la quantità di anidride carbonica che viene rilasciata nell’atmosfera a causa dello scioglimento del suolo durissimo e ghiacciato (permafrost) nell’Artico, con importanti conseguenze per l’effetto serra e il riscaldamento globale. A indicarlo è lo studio coordinato dall’università del North Carolina e pubblicato sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze, Pnas.

I ricercatori, guidati da Rose Cory, hanno messo sotto osservazione 34 siti dell’Artico, molti dei quali stanno attualmente vivendo un drammatico disgelo. A causa dell’aumento delle temperature, il suolo collassa e spesso si verificano fenomeni di erosione e smottamenti. Questa destabilizzazione libera carbonio organico che si discioglie nelle acque superficiali e viene trasformato in anidride carbonica per azione di alcuni microrganismi. Il fenomeno sarebbe poi amplificato dall’azione del Sole: il carbonio appena liberato dal terreno ghiacciato e direttamente esposto ai raggi solari, infatti, avrebbe il 40% di possibilità in più di essere convertito in CO2 rispetto al carbonio che rimane intrappolato nel suolo al buio.

Secondo gli autori dello studio, questa trasformazione potrebbe avere un notevole impatto sulla velocità del processo di riscaldamento globale. Nuovi studi saranno necessari dunque per comprendere più a fondo questo fenomeno e le sue possibili conseguenze sull’ambiente e sul clima futuro.

 

Fonte: http://www.ansa.it/scienza/

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *