• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Primo Piano

Nanga: Nardi e la Revol rinunciano, in discesa verso il base

Daniele Nardi (photo www.danielenardi.org)
Daniele Nardi (photo www.danielenardi.org)

CHILAS, Pakistan — Niente da fare per Daniele Nardi e Elisabeth Revol al Nanga Parbat. La cordata italo-francese sta tornando indietro verso il campo base della parete Diamir dopo aver trascorso due notti a 6000 metri di quota: secondo quanto si legge sul sito dell’alpinista italiano infatti, non avrebbero trovato le condizioni meteorologiche per proseguire la scalata verso gli 8.126 metri della vetta.

Nardi e la Revol avevano iniziato la salita il 9 febbraio. La loro idea era quella di arrivare in vetta in 4 giorni salendo lungo lo spigolo Mummery, per poi ricongiungersi alla via Kinshofer che arriva in cima salendo sulla destra. Negli ultimi giorni hanno trascorso due notti a circa 6000 metri di quota “aspettando che si verificassero le condizioni meteorologiche di bel tempo previste ma mai arrivate” – si legge sul blog dell’alpinista laziale. Poi questa mattina la decisione di ritirarsi.

“Alle ore 7 (ora italiana)  – si legge – Daniele ed Elisabeth, dopo aver constatato l’impossibilità di continuare la scalata hanno deciso di ridiscendere verso il campo 1. A fermare i due alpinisti sono stati i venti anche superiori ai 70 km/h e le temperature (percepita -48°C) troppo basse per intraprendere la scalata tecnica che porta al plateau a 7000 metri”. Secondo i propositi dichiarati da Nardi prima del tentativo di vetta, non ci sarebbero nuovi tentativi all’orizzonte, e anzi la spedizione si chiuderebbe qui.

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

  1. arrivare in cime e’ facoltativo tornare a casa e’ obbligatorio ” e.viesturs” grazie al daniele comunque ,lo abbiamo seguito in tanti

  2. Troppi 4 giorni. Spero che al prossimo giro Simone Moro dia ancora una volta una sonora dimostrazione di superiorità sulle invernali.
    Comunque bravi a tutti quelli che ci hanno provato seppur senza successo!

    1. Hai trovato quello giusto !!! Ma x carità …. Tanto fumo che sa usare bene e poco arrosto !!! In cordata con qualcuno ma da solo va poco lontano !!! Il vero grande italiano e’ solo Silvio Mondinelli !!! Poche parole e tanti fatti !! Moro dovrebbe prendere lezione da questo gigante idem da Mario Panzeri !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *