• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Primo Piano

Gelo: attesi -20° a 2000 metri, lunedì la "nevicata dell'anno"

Accumuli di neve previsti per lunedi 11 febbraio (Photo 3bmeteo.com)
Accumuli di neve previsti per lunedi 11 febbraio (Photo 3bmeteo.com)

BERGAMO — Prepariamoci ad un weekend molto freddo, con rovesci di neve in collina al Centro-Sud e clima gelido al Nord dove lunedì potrebbe cadere anche mezzo metro di neve. L’aria artica affluirà come un fiume in piena su tutta l’Italia, sotto forma di freddi venti settentrionali, determinando un brusco calo delle temperature, che segneranno oltre venti gradi sottozero nelle località alpine.

Tra oggi e domani ci saranno rovesci e temporali sparsi al Sud, con neve fino in collina su Molise, Campania, Puglia, Basilicata, ma anche Sardegna. La neve dunque possibile in città come Isernia, Campobasso, Potenza, San Giovanni Rotondo, ma anche Avellino, Benevento, Enna, Nuoro.

Rovesci di neve a quote di bassa collina potranno inoltre colpire le adriatiche con fiocchi possibili anche sui litorali di Romagna, Marche ed Abruzzo entro Sabato sera; qualche locale spruzzata non esclusa tra basso Veneto ed Emilia. Le temperature subiranno un ulteriore calo, con clima freddo ovunque, gelido sulle Alpi dove la colonnina potrà raggiungere i -15°C a 1500m, i -20°C a 2000m, su Livigno attesi fino a -25°C.

Lunedì nevicate copiose in arrivo al Nord anche in pianura, si tratterà probabilmente della nevicata più intensa dell’Inverno,  con accumuli che potrebbero sfiorare i 50 centimetri in molte località alpine. Primi fiocchi già Domenica sera al Nordovest, con neve diffusa Lunedì su Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta, Emilia e Lombardia, in estensione, a Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, residua anche il Martedì grasso su Alpi, Prealpi e parte del Nordovest. Passaggio a pioggia invece sulla Romagna, progressivamente anche su Emilia orientale, Polesine e le aree pianeggianti di Veneto e Friuli più vicine al mare.

 

Links: www.3bmeteo.com

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *