• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Primo Piano

Nanga: un polacco solo a 7000 metri, Nardi pronto a partire

Tomek Mackiewicz a 7000 metri (Photo www.nangadream.blogspot.it)
Tomek Mackiewicz solo a 7000 metri (Photo www.nangadream.blogspot.it)

CHILAS, Pakistan — Potrebbero essere ore decisive le prossime al Nanga Parbat. L’alpinista polacco Tomek Mackiewicz è arrivato a 7000 metri di quota a campo 3 del versante Rupal: dopo 3 giorni di forte vento, starebbe ora decidendo se scendere o continuare la salita per compiere la prima invernale della storia su questo ottomila pakistano. Nel frattempo Daniele Nardi ed Elisabeth Revol sono pronti ad attaccare la parete Diamir: la partenza per il tentativo di vetta è prevista per domani mattina.

Le comunicazioni arrivano concise e sintetiche dal team polacco impegnato sul versante Rupal del Nanga Parbat. Tomek Mackiewicz ha iniziato da solo la salita verso i campi alti il 4 febbraio, equipaggiato di cibo, bombolette di gas e telefono satellitare. Sappiamo da precedenti aggiornamenti che la spedizione aveva lasciato materiale per la salita sia a campo 2 che a campo 3.

Il 6 febbraio il polacco si trovava a campo 3, a 7000 metri di quota, sulla cresta che divide la parete Rupal dalla Diamir. “E’ appena sopra il Mazeno Pass – scrivono i suoi compagni di spedizione sul blog -. C’è vento. Su o giù? Rupal o Diamir?”. Attualmente non sono ancora arrivati aggiornamenti sulle decisioni prese da Mackiewicz, si attendono per le prossime ore.

E se sul versante Rupal il francese Joel Wischnewski annunciava il 6 febbraio di volersi muovere per 3 giorni lungo il pilastro sud est, sulla parete Diamir Daniele Nardi ed Elisabeth Revol sono invece pronti all’attacco di vetta. “Tenda in spalle, sacco leggero, viveri per 5 giorni, corde qualche vite da ghiaccio e via – spiega Nardi -…Speriamo bene nel tempo: abbiamo buttato via tre giorni belli ma c’erano troppe valanghe. Ora le previsioni parlano di meteo bello ma con vento variabile e qualche passaggio nuvoloso strano”.

I due alpinisti partiranno domani alle 8, ora locale, prevedendo una salita di 4 giorni totali: saliranno lo spigolo Mummery, poi si sposteranno a sinistra lungo la cresta fino a ricongiungersi alla via Kinshofer che arriva in cima salendo sulla destra.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *