• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Top News

Settimana polare, temperature in picchiata e neve in arrivo

BERGAMO – Freddo intenso con temperature polari nelle regioni settentrionali e neve anche a quote basse in quelle centrali e meridionali: queste le previsioni meteo previste nei prossimi giorni e in particolare per il weekend. Poi da lunedì i fiocchi bianchi potrebbero tornare abbondanti anche a Nord e sulle Alpi: secondo i modelli attuali, abbondanti in montagna, ma di nuovo anche a quote di pianura.

Secondo gli esperti di 3Bmeteo.com una situazione in lenta evoluzione sarà all’origine di una fase invernale piuttosto fredda e duratura. Fino a metà mese l’Italia rimarrà sotto il tiro di masse d’aria artica che alimenteranno un periodo contrassegnato da temperature sotto le medie del periodo e da episodi nevosi a quote basse. Nei prossimi 8 giorni 4 nuclei polari attraverseranno il Paese, portando precipitazioni a centro sud e freddo più intenso al Nord.

Già da ieri la perturbazione che ha valicato le Alpi ha portato deboli nevicate, specie sui crinali di confine, piogge sparse lungo la fascia prealpina e le alte pianure, arricchendosi anche di temporali nello spostamento verso il Centro Sud. Si sono verificati straordinari fenomeni temporaleschi anche in montagna, per esempio in Valtellina: un evento del tutto eccezionale per il mese di febbraio, secondo il Meteo Giornale generato dall’intrusione di aria molto fredda in quota. Rovesci di pioggia e neve sono attesi tra oggi e sabato fino in collina al meridione, a quote prossime alla pianura al Centro. Il nord invece dovrebbe godere di 4 giorni sereni o comunque senza precipitazioni, seppure caratterizzati da temperature molto rigide.

In Valle d’Aosta il tempo andrà in progressivo miglioramento, con zero termico in calo. In Piemonte giovedì non sono previste precipitazioni, con neve trasportata dal vento sulle creste al confine con la Svizzera. L’Arpa segnala venti da nord, moderati in montagna con raffiche forti sulle Alpi Pennine e Lepontine e sull’Appennino, deboli o moderati in pianura. Condizioni di foehn estese nelle vallate tra Alpi Cozie e Lepontine e sulle pianure adiacenti. Venerdì il cielo sarà sereno ovunque con temperature in calo: in montagna le minime potranno arrivare a -9 a 1500 metri e a -13 a 2000 metri.

In Lombardia giovedì vedrà nuvolosità variabile per l’intera giornata, con più nubi al mattino e schiarite anche estese dal pomeriggio a partire dai settori occidentali. Mediamente sulle Alpi, specie sui settori settentrionali, sarà una giornata nuvolosa. Secondo l’Arpa anche venerdì e sabato il cielo potrebbe essere coperto, anche se con scarse precipitazioni, mentre domenica splenderà un freddo sole.

Variabile ma tendenzialmente senza rovesci il tempo anche in Trentino, Alto Adige e Dolomiti venete, dove nei prossimi giorni è prevista alternanza tra sole e nubi. Domani sulle montagne trentine il servizio meteorologico regionale prevede vento forte, mentre si rileva un notevole calo delle temperature in molte valli delle Alpi orientali nel fine settimana. Situazione analoga sulle montagne del Friuli, dove il meteo nelle prossime ore sarà in genere variabile su tutta la regione con nubi ad alta quota.

E se a nord si preannuncia un weekend polare, da lunedì la neve potrebbe tornare a farsi vedere anche qui. All’inizio della prossima settimana secondo 3Bmeteo.com, una perturbazione proveniente dalla Francia potrebbe interagire con l’aria molto fredda preesistente nei bassi strati, favorendo fiocchi bianchi anche su gran parte della Pianura Padana tra lunedì e martedì. Una linea di tendenza che andrà confermata nei prossimi giorni, ma che secondo gli esperti risulta tutt’altro che remota e potrebbe portare anzi a nevicate tra le più significativi dell’anno.

Info www.3bmeteo.com

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *