• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Primo Piano

Ferrovie del Bernina, il trenino rosso ripartirà solo a fine di febbraio

La frana è caduta nei pressi del viadotto di Brusio, bloccando la circolazione ferroviaria (Photo courtesy of La Provincia di Sondrio)
La frana è caduta nei pressi del viadotto di Brusio, bloccando la circolazione ferroviaria (Photo courtesy of La Provincia di Sondrio)

BRUSIO, Svizzera — É stato ancora posticipato il ritorno del trenino rosso del Bernina sulla tratta da Tirano a Poschiavo, che era stata interrotta a gennaio a causa di due frane cadute a Brusio. Le Ferrovie retiche hanno reso noto in un comunicato che l’apertura non avverrà prima del 17 febbraio.

Martedì 8 gennaio 30 mila metri cubi di materiale erano caduti dalla montagna sovrastante il viadotto di Brusio. Alcuni massi hanno danneggiato la linea di contatto e i binari della ferrovia. Dopo un attento esame, le ferrovie retiche avevano stabilito la chiusura di un mese del tratto tra Tirano a Poschiavo.

Il 25 gennaio il quotidiano la Provincia di Sondrio aveva riportato le dichiarazioni di uno dei dipendenti della compagnia ferroviaria che sosteneva come i lavori sarebbero potuti essere ultimati l’8 febbraio, ad un mese esatto dalla frana, con conseguente riapertura il 9 febbraio se non vi fossero stati rallentamenti nei lavori o ulteriori smottamenti.

La Ferrovia Retica ha però diramato ora un avviso nella giornata di ieri informando che la riapertura è stata rimandata. Una data sicura non è ancora stata annunciata, ma sicuramente il tratto ferroviario non sarà riaperto prima di domenica 17 febbraio. Ulteriori aggiornamenti potrebbero essere comunicati il sabato precedente, 16 febbraio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *