• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Sport

Parapendio, la Coppa del mondo è degli azzurri

Nicole Fedele vola durante la Coppa del Mondo in Colombia (Photo gustavovitali.it)
Nicole Fedele vola durante la Coppa del Mondo in Colombia (Photo gustavovitali.it)

ROLDANILLO, Colombia — La Coppa del Mondo di parapendio 2012 è italiana, sia al maschile che al femminile. I campioni sono Nicole Fedele di Gemona del Friuli, campionessa europea in carica, e Aaron Durogati di Merano: hanno letteralmente sbaragliato gli avversari nelle gare finali disputatea fine gennaio sulle montagne sudamericane della Colombia.

La competizione, durata 2 settimane, ha visto in campo 139 piloti provenienti da 27 nazioni sfidarsi in nove le giornate di volo convalidate con percorsi tra i 77 ed i 130 chilometri, il decollo era a Los Tanques, quota 1775 metri: si trova nella Valle del Cauca nella parte centro-ovest del paese, tra la Cordigliera occidentale, quella centrale e la fertile valle attraversata del fiume Cauca. Da lì i piloti hanno volato a volte sulla valle, a volte fiancheggiando la montagna, e atterrando in diversi luoghi dei dintorni.

Secondo quanto riferito dalla Federazione Italiana Volo Libero, “è stata una finale impegnativa per l’alternarsi di sole, pioggia e forte vento, con l’aggiunta a sorpresa di una giornata dominata da un grande incendio nella valle che ha creato un’immensa cappa di fumo e qualche difficoltà ai parapendio, mezzi senza motore sostenuti in cielo dalle correnti d’aria ascensionali”.

Il podio femminile è completato da Laurie Genovese (Francia) e Keiko Hiraki (Giapppone), mentre quello maschile da Michael Maurer
(Svizzera) e Russell Ogden (Gran Bretagna). Quinto un altro italiano, Luca Donini di Molveno (Trento), vice campione del mondo in
carica. Nella classifica per nazioni al primo posto c’è la Svizzera, che nell’ultima prova è riuscita a superare Italia e Francia per pochi punti.

A febbraio ripartirà l’edizione 2013 della coppa del Mondo: gli appuntamenti sono in Sud Africa, Brasile, Francia, Serbia e Turchia.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *