• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità, Primo Piano

Nestlè studia la neve per fare gelati più buoni e cremosi

Valanga (Photo courtesy of wallpaper-s.org)
Valanga (Photo courtesy of wallpaper-s.org)

VEVEY, Svizzera — Cosa hanno in comune neve, valanghe e prodotti del banco frigo come creme e gelato? Tutti e tre sono oggetto di uno studio voluto dalla Nestlè e affidato all’Istituto di ricerca su neve e valanghe di Davos. L’azienda infatti, ha richiesto l’aiuto del team di nivologi per migliorare la conservazione dei propri prodotti dolciari nel frigorifero di casa e rendere i gelati più cremosi.

Sembra non esserci grande differenza tra neve e gelato, almeno secondo le analisi dell’Istituto di ricerca su neve e valanghe di Davos. I nivologi infatti, hanno condotto vari esperimenti per conto della Nestlè sui prodotti da conservare nel frigorifero:  hanno analizzato campioni di gelato ai raggi X, sottoponendoli a varie temperature per diversi giorni o addirittura settimane.

L’obiettivo era quello di seguire la nascita e l’evoluzione dei cristalli di ghiaccio che si formano nell’ambiente freddo dell’elettrodomestico. Sembra che gli scienziati abbiano notato una somiglianza tra come i cristalli di neve influenzano il manto nevoso instabile delle valanghe e la consistenza del gelato, anch’esso formato da una struttura instabile.

Inoltre queste minuscole formazioni di ghiaccio hanno mostrato nei vari esperimenti un’elevata sensibilità alle variazioni di temperatura, variazioni che avvengono frequentemente dal momento della produzione del gelato all’arrivo nelle nostre abitazioni.

Questi cicli di cambiamento compromettono la qualità del gelato, il suo sapore e la sua cremosità ed è su questo che ora gli scienziati si stanno concentrando: trovare un modo di constrastare gli effetti dei cristalli di ghiaccio e ridurne il loro sviluppo.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Cara Pamela,
    ammesso che mi pubblichino,come vede qualcuno che la legge e Le scrive c’è!
    Probabilmente dopo avermi letto dirà che era meglio che non intervenisse nessuno,ma sarebbe bello che di questi Artisti del gelato raccontasse con altrettanta enfasi anche cosa fanno con l’Acqua e sopprattutto con le falde(non Svizzere) dalle quali la estraggono….

Rispondi a Giorgio Magnani Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *