• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Top News

Grande ritorno in Himalaya: Nives Meroi e Romano Benet al Kangchenjunga

Nives e Romano (Photo courtesy nivesmeroi.it)
Nives e Romano (Photo courtesy nivesmeroi.it)

RIETI — E’ ufficiale, partiranno il 5 aprile. Nives Meroi e Romano Benet hanno annunciato sabato l’attesissimo ritorno in Himalaya, che li vedrà impegnati nientemeno che sul Kangchenjunga, l’ottomila nepalese sul quale Benet si era sentito male ed aveva rischiato la vita. Oggi, dopo due trapianti di midollo, l’alpinista tarvisiano e la sua celebre moglie ritorneranno su quella montagna, per tentare di salire il loro 12esimo ottomila.

Era il 2009 quando Benet si sentì male sul Kangchenjunga, la terza montagna più alta della Terra con i suoi 8.586 metri. I due si trovavano a quota 7.500 metri, diretti verso la cima, quando lui, esaurite le forze, non riesce più proseguire. La Meroi, che era fra le favorite a diventare la prima donna ad aver salito i 14 ottomila, rinuncia e scende al campo base con il marito, forse non sapendo che gli stava salvando la vita. Per Benet, infatti, il malore si rivelò un sintomo di un male ben più grave della sofferenza per la quota. Un male che lo ha costretto a due anni di cure e ben due trapianti di midollo.

Ma ora è tutto passato. La coppia è pronta per tornare in alta quota a realizzare i propri sogni. E vuole ripartire proprio da lì, dal Kangchenjunga. Ma non per mettere una “x” su una montagna o per sentimenti di rivalsa. “Noi torniamo lì semplicemente perchè è una zona molto bella, ed è una bellissima montagna” dice la Meroi.

L’annuncio è avvenuto sabato, durante la serata tenuta dai due alpinisti in occasione della manifestazione “Montagne nel cuore” organizzata dal Cai di Rieti, durante la quale, davanti ad un folto pubblico, hanno proiettato la loro nuova multivisione “Io sono le montagne che non ho scalato”.

Nel frattempo, il primato femminile sui 14 ottomila è stato conquistato. Ce l’ha fatta prima la coreana Oh Eun Sun, sebbene il suo record sia stato contestato per l’incertezza sul raggiungimento della cima del Kangchenjunga. Poi la basca Edurne Pasaban, con 14 ottomila saliti di cui due con l’ossigeno, e alla fine l’austriaca Gerlinde Kaltenbrunner, che li ha saliti tutti senza ossigeno. Niente più pensieri alle classifiche, dunque, per la Meroi?

“Le classifiche non mi sono mai interessate – dice l’alpinista – e non mi sono mai posta il problema della concorrenza con le altre, ovviamente quindi non lo faccio nemmeno ora. Se mi fosse interessata la gara non avrei motivo di ripartire. Nemmeno i 14 ottomila sono mai stati l’obiettivo. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di salire una montagna per volta”.

La Meroi e Benet, entrambi 50 anni, hanno salito insieme 12 ottomila senza ossigeno, senza portatori e senza campi prefissati. Hanno sempre vissuto di un alpinismo essenziale e ispirato al rispetto della montagna, che ora finalmente possono tornare a vivere. Insieme. Hanno iniziato l’anno scorso con qualche scalata sulle Alpi, poi l’autunno scorso con il trekking al Mera Peak, e ora torneranno sugli ottomila.

“La nostra è una storia di speranza – ha commentato la Meroi – ma anche di sostegno e solidarietà per la donazione degli organi, sappiamo quale opportunità rappresenta questo gesto per le persone in difficoltà. Senza quel donatore anonimo che ha ridato la vita a Romano, noi non potremmo ora pensare a questa nuova esperienza di vita. La donazione degli organi e del sangue è un grande esempio di alleanza umana”.

Articolo precedenteArticolo successivo

14 Comments

  1. felice del vostro ritorno e della guarigione di Romano
    vicino a voi con lo spiriro il cuore e l’ amore per la montagna
    guido

  2. Da donatore FIDAS, ADMO AIDO, e semplice alpinista, sono felicissima del riorno al vostro grande amore che è alnche il mio e si chiama MONTAGNA. Una grande cima è stata raggiunta ora alla prossima. In bocca al lupo con gioia.

  3. Non posso che rimarcare l’ultima frase di Nives
    Donare il sangue ed il midollo ( quest’ultimo è un semplice prelievo di sangue molto simile alla plasmaferesi ) sono un gesto di grande civiltà ed umanità. Non ci rendiamo conto di quante vite possano salvare!
    Ma anche andare a donare il sangue costantemente è un gesto di amore verso se stessi, poiché consente di essere monitorati e curati tempestivamente se qualcosa capita a noi stessi ( ve lo dico per esperienza personale, avendo scoperto una leucemia fulminante andando a donare il sangue… e ora la sto curando senza aver corsi il rischio di vita di Romano )…

    Forza Romano e Nives!

  4. fantastici! sono piena di ammirazione per questa COPPIA che credo possa essere di esempio a tutti noi sotto ogni punto di vista.
    buona fortuna,.

  5. Conta soprattutto la salute di Romano, vi auguro un bellissimo risultato e la montagna avrà rispetto per voi come voi lo avete sempre avuto per lei.
    Buon viaggio

    franco

  6. Sono molto contenta, questo è un altro importante traguardo che meritate per la passione che vi unisce e per l’esempio di coppia che date.
    Un in bocca al lupo per le vostre salite che saranno ancora tante.
    Dina

  7. Che esempio, che esempio!! Siamo tutti a tifare per voi, l’augurio è che possiate ritrovare la grande serenità delle montagne!

  8. Siete un esempio per tutti. Interpretate un alpinismo puro ed essenziale che contraddistingue chi ama veramente la montagna e la rispetta. Altro che salti in bicicletta sulla cima di un ottomila!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *