• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Multimedia, Top News

Alpi francesi, enorme valanga distrugge seggiovia

La seggiovia distrutta dalla valanga nelle Alpi francesi (Photo www.ledauphine.com)
La seggiovia distrutta dalla valanga nelle Alpi francesi (Photo www.ledauphine.com)

SAINT-FRANÇOIS-LONGCHAMP, Francia — Un’enorme valanga si è staccata venerdì scorso a Saint-François-Longchamp, sulle Alpi francesi della Savoia, distruggendo un pilone della seggiovia del comprensorio sciistico. Il distaccamenti è avvenuto in pieno giorno, quando cioè gli sciatori si trovavano sulle piste da sci. Diverse decine di persone sono state evacuate dai soccorritori e, nonostante i grossi danni, non ci sarebbero stati feriti. Queste le straordinarie immagini della slavina: i video sono stati realizzati da alcuni turisti che si trovavano sul posto.

La valanga, che viene definita di circa 500 metri, sarebbe scesa intorno alle 15.30 del 2 marzo verso la stazione a valle dell’impianto di risalita della seggiovia Lauzière, ovvero nei pressi della pista nera che sale a 2.550 metri di quota sul Pic de la Lauzière. Il primo pilone è stato abbattuto dalla massa nevosa e una settantina di persone sono rimaste per diverso tempo sospese nel vuoto. Le operazioni di recupero, svoltesi con l’elicottero, sono durate due ore e sono proseguite senza particolari intoppi.

La causa del distaccamento sarebbe da imputarsi alle alte temperature, che avrebbero reso instabile il manto nevoso formatosi dopo le abbondanti nevicate di febbraio. Secondo quanto riferito da Daniel Darves, direttore del comprensorio sciistico, alla stampa francese, il rischio valanghe nella zona è considerevole, tra il grado marcato 3 a il grado forte 4. La pista nera che passa sotto la seggiovia rimarrà chiusa probabilmente per un mese.

Vi mostriamo di seguito due video amatoriali diffusi su youtube da alcuni sciatori che si trovavano sulla pista quando è scesa la valanga: il primo riprende il distaccamento, il secondo una scena delle operazioni di recupero.

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=BJXVfb-byhc

httpv://www.youtube.com/watch?v=T1A9UZd2LwQ&feature=related

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *