• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo, Primo Piano

Nevica sopra i 400 metri: è tornato l’inverno sulle Alpi

Neve (Photo courtesy campioni.cn)
Neve (Photo courtesy campioni.cn)

BERGAMO — I meteorologi l’avevano annunciata. E lei, puntuale, si è presentata ieri sera. La neve è tornata ad imbiancare le Alpi questa notte, cadendo sui rilievi centro-occidentali sopra i 400-500 metri di quota e in particolare sulle Piemonte e la Liguria, dove gli accumuli sono stati anche di 30-35 centimetri. Risparmiato dalle precipitazioni il Triveneto, ma non l’Emilia Romagna dove al momento sta nevicando a quote collinari.

Secondo 3bmeteo.com, la neve raggiungerà entro la serata odierna i 600-900 metri sulle interne marchigiane ed i 700-1000 metrisu quelle sarde, mentre lungo la dorsale centro-meridionale si passerà dagli 800-900 metri della Toscana ai 1000-1200 metri di Umbria, Abruzzo, Lazio e Campania, fino ai 1200-1500 metri della Calabria. Attualmente non sono segnalati particolari fenomeni, se non isolati lungo l’Appennino meridionale, nevosi dai 1300 metri.

Per il Nord, la situazione è destinata a migliorare gradualmente già nel corso del pomeriggio, quando l’azione del vortice si farà meno incisiva ed i fenomeni andranno gradualmente assorbendosi. Nel resto della settimana il tempo migliorerà al Settentrione, mentre al Centro-Sud saranno le nubi a prevalere, con rovesci diurni specie lungo la dorsale. Entro il weekend il miglioramento sarà più diffuso grazie all’aumento della pressione per opera dell’anticiclone delle Azzorre, eccetto che all’estremo Sud ove insisterà il maltempo.

Questa breve perturbazione ha il merito di far tirare un sospiro di sollievo ai settori di Nord Ovest interessati da pioggia e neve ma non colma un deficit pluviometrico che si fa ormai preoccupante per il settentrione. Secondo le previsioni a lunga scadenza di 3bmeteo.com le piogge continueranno a scarseggiare anche nelle settimane a venire: a Marzo saremo contrassegnati da altre fasi anticicloniche al Nord. Episodi alto pressorei, più frequenti al Nord e sulle Tirreniche, si alterneranno a periodi dominati da respiri freddi continentali che avranno però come obiettivo principale il Sud e le Adriatiche.

 

Links: www.3bmeteo.com

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *