• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Paura sulle piste da sci, incidenti e valanghe nel weekend

Pista Nouva di Pila (Photo courtesy of www.theflintstones.it)
Pista Nouva di Pila (Photo courtesy of www.theflintstones.it)

GRESSAN, Aosta — Diversi incidenti e perfino due valanghe su piste da sci questo weekend tra Alpi e Appennini. Il più grave è avvenuto in Valle d’Aosta dove uno sciatore 49enne è morto domenica in ospedale dopo essere finito contro un cannone sparaneve posto ai lati del tracciato sulle piste di Pila. Grave anche una delle due persone coinvolte in uno scontro con gli sci sulle nevi aquilane di Campo Felice, mentre hanno riportato solo lievi ferite le quattro persone travolte da una valanga nel Canton Berna, in Svizzera.

L’incidente mortale è avvenuto sulle nevi di Pila nella giornata di sabato. Durante una discesa lunga la pista Nouva, l’uomo avrebbe perso il controllo degli sci andando a sbattere contro un cannone sparaneve ai lati del tracciato. Sul posto è giunto il Soccorso Alpino Valdostano che ha trasportato in elicottero il ferito presso l’Ospedale di Aosta dove, secondo quanto riporta la stampa locale, gli sarebbero state diagnosticate varie fratture e alcuni traumi.

Durante la notte, secondo quanto riferito dalla stampa locale, le condizioni dello sciatore 49enne si sarebbero aggravate fino alla morte dell’uomo. La procura di Aosta sta ora indagando sull’incidente, mentre l’Azienda Sanitaria ha disposto l’autopsia. Nell’agenzia battuta dall’Ansa è indicato inoltre che l’Usl della Valle d’Aosta ha precisato che non si è trattato di “lesioni interne non diagnosticate bensì di un aggravarsi improvviso del quadro clinico dovuto a insufficienze cardiorespiratorie”.

Sempre sabato, altro incidente sulle piste italiane, questa volta sull’Appennino Abruzzese. Due sciatori si sono scontrati a Campo Felice sul tracciato denominato Cisterna. Gravi le conseguenze per una delle persone coinvolte che, secondo quanto riporta l’Ansa, avrebbe riportato trauma facciale e si troverebbe ora ricoverato presso l’Ospedale San Salvatore de L’Aquila.

Nel pomeriggio di domenica, invece, sono cadute ben due valanghe sulle piste svizzere. La prima è scesa poco dopo le 14 nel comprensorio di Engstlenalp, nel comune di Innertkirchen del Canton Berna. Quattro persone, due adulti e due bambini, sono state investite, ma sono riuscite a liberarsi da sole. I soccoritori giunti sul posto si sono occupati di uno di loro, un uomo che aveva riportato qualche ferita. Altri tecnici hanno proseguito le ricerche fino al tramonto, ma nessun altro è rimasto coinvolto.

La seconda slavina è scesa attorno alle 14:30 sulle piste di Zermatt, nel settore Schafberg. Anche qui sono intervenuti i soccoritori per cercare eventuali persone intrappolate, ma sotto la neve non è stato ritrovato nessuno.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *