• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Primo Piano

Share Everest 2011: gli alpinisti in Piramide dopo gli ultimi test

Piramide 27 maggio - Da Polenza con il team di Sherpa, Giampietro Verza e Stefania Mondini
Piramide 27 maggio - Da Polenza con il team di Sherpa, Giampietro Verza e Stefania Mondini

CAMPO BASE EVEREST, Nepal — Dopo aver passato la notte in tenda a Colle Sud, Daniele Bernasconi e Daniele Nardi – che grazie al supporto dell’ossigeno in notturna ha potuto in buona parte superare i malori accusati – questa mattina alle 7 hanno iniziato a lavorare ai test del sensore di vetta. Poi hanno effettuato gli ultimi controlli alla stazione master del progetto Share, installata una settimana fa, sotto la guida attenta ed esperta di Gianpietro Verza che dalla Piramide via radio ha supportato Daniele Bernasconi nelle fasi di verifica della sofisticata strumentazione.

Terminato il check, verso le 8.30 i due alpinisti hanno iniziato la loro discesa.  Bernasconi è rientrato direttamente alla Piramide, mentre Nardi ha preferito sostare per qualche ora al campo base. Nel tardo pomeriggio si riunirà al resto della squadra.

In Piramide, intanto, gli Sherpa che hanno supportato tutte le fasi della spedizione Share Everest 2011 e hanno reso possibile la messa in funzione sia del webcam a Kala Patthar che della stazione Aws South Col a quota 8000 metri, hanno salutato il capospedizione Agostino Da Polenza, Giampietro Verza e lo staff nepalese del Laboratorio Piramide per tornare alle loro case.

Dopo la concitazione dei giorni scorsi, la frenesia e le comunicazioni palpitanti via radio con il campo base e Colle Sud, la situazione in Piramide rientra nella sua routine abituale: Verza si dedicherà, infatti, nei prossimi giorni alla calibrazione di tutte le stazioni della rete SHARE lungo la valle del Kuhmbu, i tecnici nepalesi riprenderanno la manutenzione ordinaria degli equipaggiamenti, mentre la squadra di Share Everest 2011, prenderà a breve la strada del ritorno.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *