• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

La valanga di Oropa non era prevedibile

L'elicottero di soccorso in azione
L'elicottero di soccorso in azione

BIELLA — La terribile valanga di Oropa, quella che il 6 marzo scorso ha travolto un gruppo di 18 scialpinisti biellesi uccidendone due, non era prevedibile. Lo sostengono i consulenti nominati dalla Procura della Repubblica di Biella, nel procedimento a carico di due guide biellesi accusate di omicidio colposo.

In quel tragico weekend morirono Carlo Graziano 25 anni, di Crescentino (Vercelli), e Emanuele Mosca, di Graglia (Biella). Il primo era un dottorando, mentre il secondo era un odontotecnico in pensione. La massa di neve, scesa dal monte Camino, investì in pieno gli scialpinisti, trascinandoli a valle per 400 metri.

Ebbene, secondo gli esperti quella valanga era imprevedibile. Dalla temperatura e dalle condizioni della neve, non era possibile immaginare un distacco di elevate proporzioni, concretizzatosi in tre valanghe in rapida successione con un fronte nevoso ampio centinaia di metri.

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

  1. c’era solo pericolo valanghe 4 praticamente ovunque, che più o meno significa: se c’è la vaga possibilità che parta qualcosa , passandoci la fai partire, e se non la fai partire tu ma c’è un’accumulo sopra di te è come tirare a dadi. Senza voler fare polemiche gratuite, anche per rispetto alle vittime: ma non si era parlato di alcuni snowboarder come primi responsabili della valanga?Le difese non ne hanno parlato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *