• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Fulmine colpisce escursionisti: un morto, una ferita

Un fulmine
Un fulmine

ARDESIO — Nonostante fosse ustionata, è scesa a valle a piedi per cercare di salvare la vita al suo compagno d’escursione che lassù, nella zona del monte Zulino, era stato drammaticamente colpito da un fulmine.

E’ la storia di Albertina Belighieri, 51 enne di Rovetta (provincia di Bergamo) che insieme a Giuseppe Armando Pe – 51 anni, della Valcamonica – è stata investita da una scarica elettrica ieri pomeriggio sopra Valcanale di Ardesio, in Valle Seriana.

I due stavano compiendo un’escursione. Il tempo si è messo al brutto, poi è arrivata la pioggia e si è scatenato il temporale. Colpiti dal fulmine, ad avere la peggio è stato l’uomo, apparso subito agonizzante.

La donna, fortemente ustionata, ha provato a chiamare i soccorsi, ma il quel luogo non c’era copertura dei cellulari. E così, dopo essere stata scagliata a diversi metri di distanza, sotto choc, scalza e ferita è scesa a valle per chiamare il soccorso alpino.

Dopo un’ora di cammino verso l’abitato di Valcanale, è arrivata in paese e si è fermata al primo albergo incontrato sulla strada, il Concorde, e ha dato l’allarme.

Sul luogo della tragedia sono arrivati il 118, carabinieri e Soccorso alpino, ma l’uomo è morto poco dopo. La donna, dopo le prime cure all’ospedale di Piario, è stata trasferita all’ospedale Niguarda di Milano, nel reparto grandi ustionati.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *