• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Curiosità, Primo Piano

Alpi Bavaresi, arriva la festa dell'Albero di Maggio

Albero di Maggio (Bayern Tourismus Marketing GmbH - Alpibavaresi.it)
Albero di Maggio (Bayern Tourismus Marketing - Alpibavaresi.it)

MONACO, Germania — Siamo ormai in primavera inoltrata e in questo mese, sulle Alpi Bavaresi, si celebra una tradizionale ricorrenza, quella del “Maibaum”, l’Albero di Maggio. Si tratta di una gara che coinvolge città e paesi bavaresi, tutti impegnati a realizzare l’albero più alto e più bello, intagliato e decorato nel legno.

Il “Maibaum”, l’albero di maggio, a volte raggiunge anche i 30 metri di altezza. Il suo allestimento cambia da regione a regione: in alcune località per esempio ha la corteccia, in altre viene tolta per dipingerlo con i colori della Baviera, il bianco e il blu. In altri casi ancora viene addobbato con nastri colorati, decorato con figure intagliate e con una corona.

Tutta la comunità partecipa alla preparazione dell’albero, che deve essere rigorosamente fatto a mano. La tradizione vuole che l’albero, abbattuto già molte settimane prima, debba essere “rubato”. E questo succede spesso, nonostante la vigilanza della popolazione. Al furto seguono poi le “trattative” per il riscatto, che mediamente si concludono con una grande quantità di birra e leccornie da consumare tutti insieme.

Maibaum al Viktualienmarkt di Monaco (Photo Mattes)
Maibaum al Viktualienmarkt di Monaco (Photo Mattes)

Pare che il Maibaum sia legato al gioco popolare dell’Albero della Cuccagna e che derivi dagli antichi culti arborei per la fertilità, celebrati a maggio nell’area celtica dell’Europa. Al centro del rito infatti, risiedeva, per l’appunto, un albero. L’Albero di Maggio, era venerato come simbolo della nuova stagione e delle sue promesse di abbondanza: le popolazioni germaniche appendevano spesso ai suoi rami delle offerte sacrificali, come le focacce. Tutto intorno poi si svolgeva la festa del paese.

 

 

 

Info: www.alpibavaresi.it

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *