• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota, Top News

Everest: Nardi arriva al campo base, passata la paura

Nardi e Bernasconi al campo base
Nardi e Bernasconi al campo base

CAMPO BASE EVEREST, Nepal — Buone sensazioni finalmente. Ieri mattina mi sono svegliato senza dubbi, con la sola voglia di sentire il motore nuovamente in azione. Non che sia al massimo ma il desiderio di salire e di muoversi ha valicato la spossatezza, la pigrizia, il mal di stomaco, il fatto che in 4 giorni ho mangiato un piatto di tortellini ed un pò di speck. E sono salito al campo base.

Non so neanche io cosa sia successo con esattezza ma qualche giorno fa verso le 11 di mattina, mentre stavo lavorando a dei montaggi video ed in contemporanea seguivo la fine dell’allestimento della stazione dati ad un certo punto ho cominciato a tremare.

Tempo un ora e sono stato costretto a mettermi quattro strati di piuma addosso e ficcarmi dentro il sacco a pelo. In poco la temperatura sale a 39 gradi e mezzo. Tremo per 36 ore consecutive senza alzarmi dal letto. Una tragedia. Il terzo giorno finalmente mi visita un medico in salita da Periche. In realtà non è una visita vera e propria, ormai stò già meglio. Comunque con l’esperienza acquisita ed il supporto del Verza riesco a tenere a bada i sintomi.

La saturazione dell’ossigeno nel sangue è buona, i battiti cardiaci appena alti, nessuna costrizione respiratoria, nessun dolore, nessun mal di testa, quello che è successo rimane ancora un mistero. Il medico interviene dicendo colpa di un virus intestinale. Aggiunge un antibiotico alla cura che mi ero già somministrato.

Rimane qualche dolore di pancia ma l’appetito aumenta. Leggo una mail di un amico di rientro dal Nepal che ho incrociato a Kathmandu. Mi dice essere ricoverato in un ospedale italiano per un virus simile al mio, leggendo la sua mail rimango senza parole. Ora però sono al campo base e finalmente sento l’odore della montagna vera, le ho attorno e sopra la testa.

Siamo ottimisti anche se il lavoro da fare è tanto. Chissà cosa mi aspetta domani e se potrò stupirmi ancora.

 

Daniele Nardi

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *