• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Torino, pronti per l'Adunata Alpini: atteso quasi un milione di persone

Adunata AlpiniTORINO — E’ tutta un fermento, Torino, per l’84esima Adunata Nazionale degli Alpini 2011 che da domani mattina con il solenne alzabandiera entrerà nel vivo, riversando nel capoluogo piemontese centinaia di migliaia di alpini e simpatizzanti. La grande attesa, oltre che per la tradizionale sfilata, è per la notte bianca – o meglio “Notte Tricolore” di sabato, con musei e mostre aperti fino a mezzanotte e concerti non-stop.

E’ un vero record di afflusso quello che si prevede a Torino per questa Adunata, che cade nell’anno delle celebrazioni per il 150esimo anniversario dell’unità d’Italia. La città è quasi in assetto “da guerra”: scuole e uffici sospendono le attività, i negozi di alimentari stanno facendo rifornimenti extra, il centro è chiuso al traffico.

Ma allo stesso tempo, c’è un entusiasmo che sta già salendo alle stelle e miriadi di iniziative per accogliere il fiume di penne nere in arrivo. Tutti i musei saranno aperti e scontati, i mezzi pubblici saranno gratuiti per tutto il weekend.

Tra l’altro, in contemporanea ci sarà la partenza del Giro d’Italia: sabato 7 maggio i corridori affronteranno una tappa celebrativa dell’unità nazionale, lunga 21 km, partendo da Venaria Reale e arrivando proprio nel cuore di Torino, in Piazza Vittorio Veneto. L’introito economico previsto per la città è di ben 50 milioni di euro in tre giorni.

Ma quali saranno gli eventi clou dell’adunata? Domani alle 18 il volo delle frecce tricolori e l’arrivo dei gonfaloni, sabato alle 12 il lancio dei paracadutisti e alle 20.30 i concerti delle fanfare in diverse piazze e alle 21 quelli dei cori alpini che a mezzanotte si riuniranno per suonare insieme l’Inno nazionale in piazza Castello. Domenica, ovviamente, la tradizionale ed emozionante sfilata, dalle 9 in avanti.

La sfilata si svolgerà nell’area tra corso Vittorio Emanuele II, corso Re Umberto, via Milano, corso Regina Margherita, corso San Maurizio ed il Po: tutta la zona sarà chiusa al traffico da sabato mattina alle 7 fino a domenica sera. Nella giornata di domenica sarà chiuso il quadrilatero che attende 2.500 bus degli Alpini.

Ma gli alpini non arriveranno a Torino solo coi mezzi a motore. Molti sceglieranno di arrivare a piedi, come accade per quasi tutte le adunate. Uno dei “fedelissimi” di questa tradizione è un veronese di 69 anni: Eliseo Zago, di San Peretto di Negrar, che è partito da casa sua il 29 aprile per arrivare domani a Torino. Sono circa 350 chilometri a piedi: ma niente in confronto ai 750 che ha macinato per arrivare a Latina.

 

Per info e programmi: www.ana.it

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *