• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Mostre, Primo Piano

"Dolomiti-New York" in mostra all'aeroporto di Monaco

Dolomiti-New York (Photo www.fotosavorelli.it)
Dolomiti-New York (Photo www.fotosavorelli.it)

MONACO, Germania — Le Dolomiti e New York: il verticalismo dei grattacieli richiamano le guglie dolomitiche nella fantasia di due artiste trentine. Si è aperta ieri al Terminal 2 dell’aeroporto di Monaco, la mostra “Dolomiti-New York”, ospite presso Spazio Italia di Air Dolomiti. L’esposizione raccoglie foto e quadri realizzati da Luisella Savorelli e Annamaria Gelmi.

La Gelmi, pittrice e scultrice, ha reinterpretato su tela le immagini di trenta cime dolomitiche. Si affianca al suo lavoro quello della fotografa Savorelli, i cui scatti sono stati affiancati allo skyline di New York. Le due trentine hanno visto quindi nei grattacieli della Grande Mela la linea verticale e perfetta delle pareti di roccia dolomitiche: un binomio che ritorna nella sensibilità e nel gusto degli artisti di montagna a quanto pare, visto che non può non richiamare alla mente il tanto contestato logo delle Dolomiti Unesco che dipingeva la vette come dei palazzi di Manhattan.

Scatti e opere sono stati raccolti nel volume “Dolomiti-New York”. La pubblicazione è uscita dopo il riconoscimento delle Dolomiti come Patrimonio dell’Umanità e in occasione dei primi passi della Fondazione Dolomiti-Dolomiten-Dolomites-Dolomitis UNESCO, nata per promuovere e diffondere la ricchezza di questo territorio.

Sulla traccia del libro è stata allestita una piccola mostra al promotional corner di Spazio Italia dell’aeroporto di Monaco, dove i passeggeri in transito potranno ammirare le bellezze delle Dolomiti e la grandiosità di New York fino al 16 maggio. Poi la mostra completa sarà esposta a Bruxelles dal 28 giugno all’8 luglio, nell’arco dell’anno si sposterà nei capoluoghi delle province dolomitiche e infine nel 2012 a New York.

Info http://www.fotosavorelli.it/

http://www.annamariagelmi.com/

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *