• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

Lecco: Andrea Giorda ospite al Premio Carlo Mauri

PremioCarloMauri
Premio Carlo Mauri

LECCO — Grandi preparativi, a Lecco, per la serata finale del Concorso nazionale di narrativa di montagna Premio Carlo Mauri, in programma per venerdì 20 maggio. Si tratta infatti di uno degli eventi culturali dedicati alla montagna più importanti dell’anno, che avrà come protagonista Andrea Giorda del Caai con “Il Paradiso rivelato”: un cammino nei 150 anni di storia alpinistica del versante Sud del Gran Paradiso.

L’evento, organizzato dal Gruppo Gamma, l’Uoei e il Caai, si tiene ormai da 15 anni alla fine del mese di maggio, negli stessi giorni in cui scomparve il grande alpinista lecchese a cui è dedicato. Durante la serata, verranno premiate le opere letterarie scelte dalla Giuria, che si è riunita per il verdetto lo scorso 7 aprile. I nomi dei vincitori – sezione narrativa, saggistica e studenti -, sono però ancora top secret. Nel frattempo, sono stati resi noti i dettagli della serata, che come al solito sarà condotta da Roberto Bregaglio e Simona Mazza.

Ad aprire la serata saranno le melodie etniche orientali e latino-americane interpretate da Federica Spreafico, accompagnata dalla chitarra di Stefano Fumagalli, in una suggestiva rievocazione musicale degli ambienti dove si avventurò l’esplorazione di Carlo Mauri. Poi Giorda racconterà il Gran Paradiso anche attraverso le esperienze di un protagonista: da Baretti a Vaccarone al Nuovo Mattino di Motti e Grassi, le grandi vie del Piantonetto e la scoperta delle pareti del selvaggio vallone di Noaschetta, le mitiche fessure della Valle dell’Orco e la rinascita del Trad climbing.

Andrea Giorda, nato a Torino nel 1958, inizia a scalare da primo di cordata già nel 1971. Insieme ad Andrea Camanni, si forma alpinisticamente su itinerari classici in tutte le Alpi, con ripetizioni di prestigio, incredibili per la loro giovane età, come la Gaiser-Lehmannn sulla Nordovest del Cengalo. Sul finire degli anni ’70 inizia un’attività di scoperta e avventura, che lo portano ad aprire itinerari, di sicuro impegno per quell’epoca, in Valle dell’Orco e nel massiccio del Monte Rosa. Da allora fino al 1988, quando pure viene ammesso al C.A.A.I., prosegue senza sosta una ancora più intensa attività, in cui emergono salite di rilievo, come la seconda ripetizione italiana della Diretta Americana al Dru, la prima italiana al pilastro Nordovest del Dome de Neige des Ecrins, l’apertura della via des Italiens sui Gran Charmoz, a destra del Pilier Cordier, e in cui apre vie innovative (tra tutte, Filo a piombo e Sturm Und Drang, sul Becco di Valsoera) al Gran Paradiso, che affrontano per la prima volta in quota muri verticali su granito, prima evitati dalle generazioni precedenti.

La serata si terrà in sala Ticozzi alle 21 ed è organizzata in collaborazione con Consiglio Regionale della Lombardia, Comune di Lecco, Provincia di Lecco e numerosi sponsor come la Camera di Commercio di Lecco, ConfCommercio Lecco, Comunità Montana Lario Orientale-Valle San Martino, Unicalce, df Sport Specialist, Deutsche Bank, Ande, Acel Service, Kong, A. G. Bellavite, Blufrida, OA officina alimentare, Camp, Versante Sud, Airoldi Paolo & C., Tentori Enzo & C., Stop&Go, vinicola Mauri, Icam. Carozzi, Ferranti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *