• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Ragazza dispersa sul Monte Mauro: i molecolari fiutano una traccia

Il borgo dei Crivellari (Photo courtesy www.venadelgesso.org)
Il borgo dei Crivellari (Photo courtesy www.venadelgesso.org)

FAENZA, Ravenna — Sono stati i cani molecolari del Soccorso alpino a fiutare finalmente una traccia di Viola Valgimigli, la 25enne scomparsa il 16 aprile nella zona della Vena del Gesso, sulle alture dietro Faenza. Sembra che la ragazza sia passata lungo un sentiero che porta al Monte Mauro, 515 metri d’altezza.

I cani molecolari del soccorso alpino hanno agganciato una traccia della ragazza nella notte di ieri, lungo un sentiero che porta al  vecchio borgo dei Crivellari, interamente costruito in pietra di gesso. Venti soccorritori, tra tecnici del Cnsas dell’Emilia Romagna, l’unità cinofila della Protezione civile, i Vigili del fuoco di Ravenna, e l’unità cinofila e ricerca molecolare del Cnsas delle Marche, hanno pattugliato per ore, anche nella giornata di ieri, tutta la zona e la cava di gesso vicina. Ma la ragazza ancora non è stata ritrovata.

La 25enne, originaria di Celle, si era allontanata da casa dopo un brutto litigio con la madre e non ha più fatto rientro. Il suo scooter è stato ritrovato tre giorni dopo, parcheggiato regolarmente, lungo una strada che collega la provinciale Valletta a una strada per Monte Mauro e Zattaglia.

Alcuni muratori hanno raccontato di averla incontrata: la ragazza avrebbe chiesto loro la strada per le grotte di Monte Mauro e alcune sigarette. I pattugliamenti sulle colline circostanti, però, non hanno dato ancora alcun esito: l’unica speranza è la traccia individuata dai cani.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.